Caso Ruby ter: Silvio Berlusconi avrebbe elargito 2 milioni di euro alle ragazze

521

Silvio Berlusconi avrebbe versato oltre due milioni di euro in assegni e bonifici alle ragazze ospiti delle serate presso la Villa di Arcore, esclusa Ruby, nel periodo compreso tra il 2010 ed i primi mesi del 2014.

Sono queste le informazioni emerse dagli atti della Procura di Milano relativi all’inchiesta Ruby3, atti depositati al tribunale del Riesame, dove appunto non risulta imputata Ruby.Sembra che la cifra più alta sia andata ad Alessandra Sorcinelli mentre Barbara Guerra avrebbe incassato ben 200 mila euro, Barbara Faggioli più o meno 180 mila euro, le due gemelle De Vivo, Elisa Toti e Marysthell Polanco oltre 100 mila euro ciascuna, Raissa Skorkina 62 mila euro, Silvia Trevaini circa 55 mila euro e Ioana Visan 40 mila.

Caso Ruby ter Silvio Berlusconi avrebbe elargito 2 milioni di euro alle ragazze

E’ emerso tra i vari atti anche una lettera scritta da Silvio Berlusconi e risalente al dicembre 2013 con la quale il leader di Forza Italia spiegava alle giovani ragazze di aver dato loro delle somme di denaro come gesto affettuoso ma di essere costretto a non poterlo più fare perchè tale gesto d’affetto avrebbe potuto essere stato interpretato in termini negativi e che avrebbe portato soltanto guai allo stesso. «Si tratta di un evidente e maldestro tentativo di disinformare l’opinione pubblica e di gettare fango sull’avversario politico.Anche se fosse vero che il presidente Berlusconi abbia elargito (come abitualmente fa in favore di chi ha bisogno) due milioni di euro nel corso di quattro anni a molte ragazze trovatesi in grande difficoltà a causa del danno di immagine provocato loro dalle inchieste giudiziarie che le hanno coinvolte la somma deve essere commisurata ad una persona che il tribunale di Milano ha condannato a pagare, per le sue capacità economiche, oltre tre milioni di euro mensili alla ex moglie», ha dichiarato il legale di Silvio Berlusconi, Federico Cecconi. 

Condividi