Consumare molta frutta riduce l’uso dei farmaci

466

Una ricerca inerente il consumo di frutta e in special modo di mele, pubblicata su Jama Internal Medicine, e condotta dall’Università del Michigan su un campione di 8,399 persone, afferma che avevano l’abitudine di mangiare una mela al giorno solo il 9 per cento dei soggetti del campione studiato, e cioè 753 persone, mentre i non consumatori di mele erano il 91%, circa 7.646 persone. Durante la valutazione dei dati raccolti, e confrontando il numero di visite mediche e di prescrizioni di farmaci, e i valori inerenti al consumo di mele, i medici hanno scoperto che mangiare con cadenza giornaliera il frutto si associava a una migliore salute generale e a una minore incidenza di malattie, anche patologie gravi; ad esempio quelle cardiovascolari.

mela-legggera

Ovviamente il risultato va intenso come un aiuto al benessere generale, non è in ogni caso un rimedio che debba sostituire i normali controlli periodici dal proprio medico, o credere che mangiare molte mele ci dia l’errata convinzione di poter gettare via i medicinali del tutto. Di fatto però pare che la mela abbia effetti molto benefici; al proposito una ricerca italiana informa sull’effetto antitumorale del frutto. Lo studio è stato pubblicato su Annals of Oncology dai ricercatori di vari istituti: dall’Istituto Mario Negri, del CRO di Aviano, dall’Istituto Tumori di Genova, dal Pascale di Napoli, dal Regina Elena di Roma e dall’Agenzia per la Ricerca sul cancro di Lione.

Lo confermano anche alcuni studi svolti in Italia tra il 1991 e il 2002 su 8209 pazienti affetti da tumori di vario tipo e su 6729 ricoverati nelle strutture ospedaliere per altre patologie, l’osservazione dei soggetti ha rivelato che chi consumava una o più mele al giorno era molto meno predisposto all’insorgenza del cancro. Quindi la conclusione è che il rischio di tumore nei consumatori di mele scende del 21% per il cancro del cavo orale, del 25% per il cancro dell’esofago, del 20% per il cancro del retto, del 18% per il cancro al seno del 15% per quello ovarico e del 9% per quello della prostata. Le mele non sono il rimedio magico per ogni male,  ma sono un importante aiuto se consumate con costanza; cambiare le proprie abitudini alimentari è il primo passo verso la salute.

Condividi