David Cameron sbanca alle elezioni “Via al referendum sulla Ue”

311

David Cameron è il trionfatore alle elezioni britanniche 2015, aggiudicandosi cosi attraverso la maggioranza assoluta altri cinque anni a Downing Street. Il leader ha dichiarato: “Ci sarà un referendum sul nostro futuro in Europa. Ho incontrato la regina, formerò un nuovo governo”. Intanto tra gli sconfitti c’è un’epidemia dimissionaria: Ed Miliband lascia la guida del Labour, Nick Clegg quella dei LibDem e Nigel Farage dell’Ukip. In Scozia trionfano i nazionalisti dell’Snp; hanno perso le elezioni, e hanno dato le dimissioni dalla carica di leader dei rispettivi partiti.

I Tory hanno conquistato la maggioranza assoluta dei seggi; questo traguardo gli garantisce la possibilità di governare il Regno Unito da soli. Il partito conservatore, con il 36,8% dei voti, si è aggiudicato ben  331 seggi su 650, contro i 232 del Labour Party (30,5%); contro quello degli scozzesi dell’Snp a 56 seggi (4,7% dei voti) e i LibDem a 8 (7,8%). Un solo seggio per l’Ukip (12,6%) Nigel Farage che esce dal Parlamento.

Intanto cameron si gode la vittoria e afferma: “Questa è la vittoria più dolce, abbiamo sconfitto anche i sondaggi e i commentatori. Quel che più conta è che abbiamo ancora l’opportunità di servire il Paese”

Nell’ambito di queste elezioni si è registrata un’affluenza al voto in aumento, che si evince dai dati reali parziali, ma consolidati, diffusi dai canali inglesi; l’esito è che dei quasi 50 milioni di cittadini aventi diritto si è recato giovedì alle urne oltre il 66%.

David William Donald Cameron; questo il nome per esteso del Primo ministro del Regno Unito in carica dal 2010. Cameron, oltre che alla carica di primo Lord del Tesoro, e anche di Ministro del Servizio Civile. Dal 6 dicembre 2005 è il leader del Partito Conservatore. Dopo le dimissioni di Gordon Brown, presentate l’11 maggio 2010, Cameron è stato invitato a Buckingham Palace dalla Regina Elisabetta II, per accettare l’incarico di formare un governo.

Condividi