Diabete: MiniMedA 640G, il microinfusore intelligente d’insulina

1054

Il microinfusore MiniMedA 640G, l’ultima importante novità nell’ambito della gestione del diabete, sarà disponibile la prossima settimana nelle diabetologie italiane.L’uso della tecnologia brevettata SmartGuard per il controllo del glucosio e la somministrazione d’insulina consente di migliorare la gestione del diabete.

 Il microinfusore MiniMedA 640G, realizzato dall’azienda Medtronic per la gestione ottimale del diabete e presentato ieri a Roma presso il Senato della Repubblica, può prevenire eventuali ipoglicemie interrompendo automaticamente l’erogazione basale d’insulina prima delle crisi ipoglicemiche. In pratica, questo dispositivo intelligente combina un monitoraggio costante dei livelli di glucosio con una pompa che eroga insulina: è dotato di un algoritmo che sa prevedere in base ai dati quando si rischia una crisi ipoglicemica facendo agire automaticamente la pompa.MiniMed-640G

 Il direttore dell’Istituto di ricerca del diabete presso l’Istituto scientifico dell’Ospedale San Raffaele di Milano, spiega la necessità di accelerare i tempi di ricerca mirando ad “un controllo della glicemia in generale per evitare anche le ipoglicemie e le oscillazioni eccessive del glucosio nel corso della giornata, obiettivi oggi più facili da raggiungere grazie all’uso delle migliori tecnologie per il controllo del glucosio e la somministrazione dell’insulina”.

 Questa nuova generazione di dispositivi intelligenti è un passo in avanti per il concetto di pancreas artificiale, un sistema capace di sostituire completamente l’organo di controllo del livello di zuccheri nel sangue. Il dispositivo MiniMedA 640G, rimborsato al 100% dal Servizio sanitario nazionale, sarà destinato innanzitutto ai pazienti che soffrono di diabete 1 ma potrà usarlo anche chi soffre di diabete di tipo 2 avendo difficoltà a tenere sotto controllo la glicemia.

Ricordiamo che sono oltre 250 milioni nel mondo i malati di diabete e 3 milioni solo in Italia (di cui 250 mila con diabete di tipo 1). Secondo quanto riferisce l’Italian Barometer Report 2014, entro il 2030 il diabete passerà dall’undicesima alla settima posizione nella classifica delle cause di decesso nel mondo e arriverà al quarto posto nei paesi industrializzati.

Condividi