Divorzio immediato, il Senato stralcia la norma e rimanda ad oggi

266

L‘aula del Senato nella giornata di ieri ha stralciato la norma sul divorzio immediato contenuta nel comma 2 dell’articolo 1 della legge sul divorzio breve.

Salta, dunque, il divorzio lampo dal testo che riduce in questo modo i tempi della separazione da tre anni a dodici mesi in caso di giudiziale ed a sei mesi nel caso in cui il divorzio sia consensuale. Il voto finale, però avverrà nella giornata di oggi, intorno alle ore dodici, secondo quanto annunciato dal Vice Presidente del Senato Maurizio Gasparri, che tra l’altro ci ha tenuto a precisare che le ultime due dichiarazioni di voto e la votazione si terranno dopo le comunicazioni del Premier Matteo Renzi sul Consiglio Europeo.

Divorzio immediato, il Senato stralcia la norma e rimanda ad oggi

Hanno votato a favore Ncd e Pd, contrari invece Sel, M5S ed i senatori Psi ma anche senatrice a vita Elena Cattaneo ed il senatore di Gal Lucio Barani. Libertà di voto invece per Forza Italia. “A due persone sposate, adulte e senza figli o con figli maggiorenni non può essere negato di accedere subito al divorzio se è consensuale. Non si tratta di scelte etiche o morali ma della tutela dei diritti di ogni persona a poter decidere di se stessa. In queste materie l’interferenza dello Stato deve essere il più vicina possibile allo zero” ha dichiarato la Senatrice Elena Cattaneo.“Approvare il divorzio breve è una cosa grande.Ritardare moltissimo la sua approvazione o trovare ostacoli politici e finire incagliato”, ha dichiarato ieri in Aula il capogruppo Pd, Luigi Zanda, parole con le quali ha spiegato il voto favorevole allo stralcio dei democratici. Dunque, questa mattina come già anticipato intorno alle ore 12, il Senato darà l’ultima parola sul resto ddl e se verrà approvato il provvedimento passerà in terza lettura alla Camera.

Condividi