Eizo, il display 4K professionale: ColorEdge CG318-4K, un monitor progettato per le applicazioni cinetelevisive e l’editing video

454

Ultra Hd e 4K: due sigle spesso – ed erroneamente – utilizzate come sinonimo, ma che corrispondono a due risoluzioni diverse. La prima è pari a 3.840 x 2.160, mentre la seconda è 4.096 x 2.160, ovvero la risoluzione nativa Dci (Digital Cinema Initiatives) con formato 2,39. Per rispondere (anche) alle esigenze dei professionisti dell’universo cinema/televisio-ne, Eizo ha presentato il monitor CG318-4K, la nuova punta di diamante della sua famiglia ColorEdge.

Dotato di un pannello Lcd di tipo Ips da 31,1″ (e risoluzione 4K), questo display è in grado di riprodurre il 98% dello spettro cromatico DCI-P3 e il 99% dello spazio Adobe-RGB. Il contrasto dichiarato per questo monitor è di 1.500:1, mentre la luminosità arriva a 350 cd/m2, valore che Eizo garantisce fino 10.000 ore di utilizzo. Lo schermo dispone di una tabella 3D Lut (Look-Up Table) a 16 bit che adatta ciascun colore in una tabella cubica Rgb a 10 bit. Il nuovo ColorEdge dispone di due ingressi Hdmi e due DisplayPort 1.2 (con supporto al 4K fino a 60 Hz), oltre a un hub Usb 3.0.

Dal punto di vista ergonomico, questo ColorEdge può essere regolato in altezza fino a 149 mm, inclinato in un range di 40° (da -5° a +35°) e anche ruotato di 90° in posizione portrait. Inoltre, in dotazione, c’è la palpebra luce per una visibilità eccellente senza fastidiosi riflessi.

Per garantire purezza dei colori e luminosità omogenea, in ogni condizione (luce critica ambiente, fase di accensione ecc), Eizo ha integrato la sua tecnologia proprietaria Due (Digital Uniformity Equalizer). In pratica un chip regola e gestisce automaticamente luminosità e toni di colore, eliminando irregolarità e offrendo una riproduzione più omogenea su tutta la superficie.

Sul ColorEdge CG318-4K è stato inoltre integrato un sensore di misurazione, posto nella parte superiore della cornice e dotato di meccanismo a scomparsa. Questa soluzione consente di effettuare l’autocalibrazione in piena autonomia, in quanto non è necessario utilizzare né uno strumento esterno e neppure un Pc. Completano la dotazione due software dedicati: ColorNavigator NX e ColorNa-vigator 6.

Infine, pensando ai grandi studi di post-produzione o di elaborazione, segnaliamo che grazie al software Co-lorNavigator Network è possibile una completa gestione remota dei ColorEdge: tutti i monitor possono essere configurati in modo perfettamente identico, pianificando gli intervalli di autocalibrazione ed evitando anche che l’utente possa variare i parametri. Il ColorEdge CG318-4K sarà disponibile a partire da luglio.

Condividi