Election day: gli italiani chiamati alle urne il 31 maggio

206

E’arrivato l’ok dal governo all’election day, ovvero un decreto legge che permette lo svolgimento in un’unica chiamata per le elezioni regionali ed amministrative. Palazzo Chigi nella giornata di ieri ha comunicato che grazie alla proposta avanzata dal Ministro degli Interni, Angelino Alfano, il Consiglio dei Ministri, come già anticipato ha approvato un decreto legge, il quale permette che le consultazioni elettorali avvengano in un’unica data.

Da quanto è emerso, sembra che la prima data disponibile,ovvero la prima domenica utile risulta essere il 31 maggio 2015 ed a tal riguardo la norma interviene anche stabilendo che l’elezione può essere celebrata anche nella prima domenica successiva alla scadenza del termine di 60 giorni dalla scadenza del mandato. “Le elezioni amministrative si devono tenere, per legge, in una domenica compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno mentre le elezioni regionali, secondo quanto stabilito dalla Legge di Stabilità 2015, devono avere luogo non oltre i sessanta giorni successivi al termine del quinquennio“, questo quanto stabilito dalla norma.

Election day gli italiani chiamati alle urne il 31 maggio

Sono, dunque, chiamati al voto 7 regioni a statuto ordinario tra le quali il Veneto, la Liguria, la Toscana, le Marche, l’Umbria, la Campania e la Puglia, mentre le elezioni amministrative interesseranno 15 regioni a statuto ordinario e nello specifico 515 comuni. Saranno circa 17 milioni gli abitanti che verranno chiamati alle urne ed ancora si voterà per il rinnovo di consigli e sindaco in ben 1.089 Comuni tra cui 18 città capoluogo come Venezia dove il comune attualmente si trova in mano al commissario dopo lo scioglimento del comune in seguito alle dimissioni del sindaco di centrosinistra Giorgio Orsoni per essere stato coinvolto nell’inchiesta sul Mose. Si voterà anche in altri comuni capoluoghi tra i quali Enna, Agrigento, Vibo Valentia, Matera, Andria, Chieti, Macerata, Arezzo, Rovigo, Trento, Bolzano, Mantova, Lecco, Aosta, Nuoro, Sanluri, Tempio Pausania.

Condividi