Elio Canestri,muore giovane promessa del surf attaccato da uno squalo

388

Un altro attacco da parte di uno pesci più temuti al mondo, ovvero lo squalo che ogni anno miete diverse vittime. Si chiamava Elio Canestri ed era una promessa francese del surf, promessa perché Elio aveva soltanto 13 anni; il piccolo la scorsa domenica è stato attaccato da uno squalo proprio nelle acque dell’Isola della Rèunion, ovvero il dipartimento d’Oltremare francese nell’Oceano Indiano vicino al Madagascar.

Da quanto emerso Elio si trovava a Cap Homard sulla costa occidentale dell‘Isola, una zona proibita ai nuotatori per la presenza degli squali, ma il piccolo Elio si è spinto troppo in la insieme ad altri sei compagni. Purtroppo intorno alle ore 9.00 ora locale Elio improvvisamente è scomparso dalla vista dei compagni, e poco più in la ecco la terribile scena; il piccolo è stato attaccato da un predatore, un Bull shark di 2,5 metri che è considerato uno squalo molto pericoloso, tra i più pericolosi per l’uomo.

Il ragazzo ha riportato gravissime ferite sugli arti ed anche sullo stomaco che purtroppo non hanno fatto ben sperare ed infatti il ragazzino è deceduto poco dopo, nonostante i soccorsi fossero arrivati in tempi brevissimi. Purtroppo ne i testimoni ne i soccorritori hanno potuto far nulla per salvarlo. Tanta commozione e dolore, tantissime le persone che oggi si sono riunite proprio al mare per omaggiare il piccolo campione di surf; presente tra la folla anche Jeremy Flores ovvero il surfista professionista vincitore del Billabong Pipeline Masters nel 2010,il quale nella giornata di ieri ha anche scritto questo post:“Un altro attacco di squalo nell’isola di Reunion questa mattina.Il tredicenne Elio è stato uno dei nostri migliori e provenienti surfisti. Le parole non possono descrivere quanto triste ed arrabbiato io sia. Così giovane!!!RIP :(“. 

Condividi