Expo,caos padiglione BioMediterraneo:la Sicilia prima si ritira e poi resta

379

La Sicilia ha praticamente fatto dietrofront ed ha effettuato il suo ritiro dalla gestione del padiglione del Cluster BioMediterraneo dell’Expo.E’ questa la notizia arrivata per mano di Dario Cartabellotta che tramite una lettera inviata al commissario Giuseppe Sala ha annunciato proprio la volontà della Regione Sicilia di voler ritirarsi dalla Fiera Espositiva e di non voler più gestire l’area comune dedicata ai Paesi dell’area med.

«Considerato che alla data odierna i problemi segnalati a partire dal giorno dell’inaugurazione non consentono la regolare realizzazione del palinsesto, sospendiamo ogni attività dell’area comune sino a quando non ci saranno i necessari atti che garantiscono la sicurezza degli operatori e visitatori. Si declina pertanto qualsiasi responsabilità nei confronti di terzi», sono queste le problematiche segnalate dal responsabile del cluster.

Purtroppo nella giornata di ieri il Presidente della Regione Crocetta ha dichiarato quanto segue:“Quanti danni per una scopa…La Sicilia partecipa ad Expo con un proprio padiglione, che in questi giorni ha registrato l’affluenza di un tanti visitatori e che vede la soddisfazione delle aziende.Per quanto riguarda la vicenda del Cluster Bio-Mediterraneo la Sicilia ha in mano il coordinamento organizzativo che coinvolge diversi Paesi. Lo spazio è stato consegnato dagli organizzatori di Expo il 30 di aprile, senza copertura, senza impianto wi fi e altro. Mi rendo conto che è difficile recuperare il danno di immagine data dalla foto di Dario Cartabellotta (responsabile del cluster n.d.r.) che prova ad asciugare con la scopa. Adesso lo spazio è coperto. Ma Expo non ha ancora compiuto una serie di interventi, dalle insegne che ancora mancano alla sistemazione dei cavi elettrici. Ma qualche problema come questo è sufficiente per creare un danno alla Sicilia di queste dimensioni? Non vorrei dovere intentare cause civili per danno all’immagine”ha aggiunto Rosario Crocetta. 

Condividi