Facebook, lancia Safety Check per aiutare i dispersi in Nepal

331

I social network scendono in campo per aiutare i dispersi del Nepal vittime del violentissimo terremoto che purtroppo si è abbattuto alcuni giorni fa. Nello specifico Facebook per poter aiutare i dispersi del Nepal ha reso operativo un utilissimo strumento chiamato Safety Check attraverso il quale chiunque si trovi nelle zone vicino all’epicentro del sisma può informare i suoi contatti Fb sul proprio stato di salute.

Tale strumento è stato inventato in occasione di questa emergenza come ha riferito lo stesso Mark Zuckerberg.Lo stesso a tal riguardo ha spiegato:“È un modo semplice per avvisare la famiglia e gli amici che stai bene. Se ti trovi in una delle zone colpite dal terremoto, rispondi alla domanda e tutte le persone con cui sei in contatto avranno tue notizie. Quando accadono i disastri la gente ha bisogno di sapere che i propri cari sono al sicuro. È in questi momenti che essere in grado di connettersi conta davvero”.

Ma come funziona questo importantissimo strumento? Facebook manderà un messaggio chiedendo se è tutto ok, se la risposta sarà positiva al messaggio, e in questo caso bisognerà cliccare sul pulsante sto bene, questa risposta andrà ad inserirsi nel proprio profilo Facebook che viene letto da tutti i contatti, e nello specifico da tutti i parenti ed amici che attendono di avere notizie. Il messaggio Facebook lo invierà nel caso in cui verrà rilevata la posizione dell’utente nelle vicinanze del disastro avvenuto. Facebook inoltre ha lanciato una raccolta fondi per aiutare il Nepal e nello specifico gli utenti potranno scegliere di donare una cifra, tra le 10,25,50 o 100 euro ed inserire la somma che si desidera e procedere alla donazione tramite carta di credito o PayPal.

Condividi