Fertilità maschile, i pesticidi della frutta la mettono a rischio

320

Fertilità maschile e frutta e verdura che sono da sempre indicati come alimenti sani, indispensabili per una alimentazione ricca di nutrienti naturali e priva di grassi, consumare molta frutta fa solo bene; ma bisogna tenere conto delle modalità del consumo, perchè non sempre potrebbe essere cosi benefica;  se prendiamo in considerazione un recente studio condotto dalla Harvard T. H Chan school of Public Health di Boston, vedremo subito evidenziati gli aspetti negativi nel consumo di frutta; sono presi in causa gli uomini abituati a consumare la frutta e la verdura cruda senza sbucciarla, è emerso che questi soggetti presentano sperma in cattive condizioni.

Quindi pare evidente che le due cose abbiano un nesso; il consumo di frutta e verdura crude, non opportunamente trattate, cioè bel lavate o sbucciate andrebbero ad intaccare la qualità del seme maschile; ma la causa specifica quale è? Le sostanze negative che producono effetti deleteri negli uomini non sono proprio  i prodotti freschi ma i pesticidi che vengono usati in agricoltura per preservare i prodotti da malattie e insetti infestanti; queste sostanze sono di origine chimica, vengono spruzzati su frutta e verdura durante la coltivazione; ecco perchè si raccomanda sempre di lavare bene frutta e verdure se si desidera consumarle allo stato naturale, maggior attenzione va data a tutta la frutta che può essere mangiata senza privarla della buccia.

uomo-mela-magazinedonna

Lo studio condotto a Boston quindi afferma che frutta e verdura possono causare danni al liquido seminale, con la conseguenza di un calo nella capacità riproduttiva: il team che ha condotto la sperimentazione su vari soggetti di sesso maschile ha anche redatto un dettagliato elenco con i prodotti più pericolosi se non ben depurati, che sono:  peperoni, spinaci, fragole, mele e pere. Meno pericolosi  invece piselli, fagioli, cipolla e agrumi. La differenza sta nel tipo di frutto o ortaggio che si consuma, più attenzione quindi all’igiene in cucina.

Condividi