Francesco Totti, nozze bis con Ilary, terzo figlio ed un futuro da dirigente giallorosso

1015

Deciderà se appendere gli scarpini al chiodo soltanto alla fine della stagione. Ma la sensazione è che questo potrebbe essere Fultimo campionato per Francesco Totti. capitano e simbolo della Roma, nonostante lui abbia ancora un anno di contratto con i giallorossi. E se da un lato i tifosi tremano al solo pensiero del ritiro, dall’altro c’è la proprietà americana che sembra non vedere l’ora di affidargli un ruolo da dirigente e uomo immagine, risparmiando così i tanti soldi sul suo stipendio da calciatore.

«Non sono mai stato e mai sarò un problema per la Roma», ha scritto il fuoriclasse sul suo blog ufficiale. «I processi e le decisioni sul futuro rimandiamoli a giugno. Applaudirò dal campo, dalla panchina e dalla tribuna i calciatori che indossano e indosseranno questa maglia. Per la mia squadra ho sempre desiderato e sognato il meglio».

Parole che suonano come un addio annunciato, anche se non è ancora detta l’ultima parola. Certo è che se dovesse smettere di distribuire magie in campo Totti potrebbe avere molto più tempo per realizzare il suo sogno più privato: allargare la famiglia con llary, mettendo al mondo il terzo figlio. Un progetto a lungo cullato e che finalmente troverebbe le condizioni ideali per trasformarsi in realtà.

Anche in questa stagione calcistica il capitano è stato una colonna per la sua e ha dato un contributo fondamentale per la conquista di un posto in Champions League. Ora perciò, terminato il campionato, Totti tirerà le somme, valutando in modo sereno che cosa sarà più giusto fare in futuro. Comunque vada, per lui non c’è alcun pericolo di annoiarsi: la sua agenda è già piena di impegni.

Il 19 giugno Francesco e sua moglie hanno programmato un matrimonio bis, dieci anni dopo quello celebrato in diretta televisiva presso la Chiesa di Santa Maria in Aracoeli, accanto al Campidoglio. Una seconda festa che si terrà molto probabilmente nel giardino della loro casa romana e che avrà una coppia di valletti d’eccezione: Cristian e Chanel, i due figli nati dal loro amore.

E per il maschietto non sarà nemmeno la sua prima partecipazione, visto che la volta scorsa era “presente” nella pancia della mamma. Per l’occasione ci sarà pure la sorellina, con i suoi lunghi capelli biondi, che tanto la fanno assomigliare a Ilary. Dopo tredici anni insieme, tre da fidanzati e dieci da coniugi, il calciatore e la showgirl vogliono regalarsi un altro giorno da favola. Spesso, nel corso della loro storia, si è parlato di crisi e presunti tradimenti.

Eppure Francesco e Ilary  i “Beckham italiani”, come dice scherzando qualcuno – in realtà sono una coppia davvero solida, che ama poco la mondanità e che privilegia la vita in famiglia. «Abbiamo avuto momenti di noia, ma non è mai capitato che parlassimo di separazione, al massimo ci sono stati giorni un po’ silenziosi. Mi sono legata a Francesco che avevo vent’anni e oggi rifarei tutto daccapo», ha raccontato la Blasi qualche giorno fa. E se lui – l’uomo dai 242 gol in serie A – dovesse decidere di chiudere tra pochi mesi la sua strepitosa carriera, forse la più contenta sarebbe proprio la moglie. Niente più partite di sabato e di domenica, niente più allenamenti e trasferte lontano da casa, lnsomma, tutta un’altra vita.

E allora sì che ci sarebbe tutto il tempo per mettere al mondo il terzo figlio e magari anche il quarto, per coronare il sogno di Totti di circondarsi di marmocchi. Ogni volta che parla dei suoi bambini il capitano della Roma si illumina in volto come quando butta il pallone in rete. In un’intervista rilasciata a Maurizio Costanzo durante la trasmissione S’è fatta notte, Francesco ha detto chiaramente che non intende fermarsi a quota due, ma che vuole dare a Cristian e Chanel un fratellino il prima possibile: «Il terzo figlio è imminente», ha confessato il Pupone. E la cicogna sarebbe già arrivata se la sua professione non l’avesse impegnato così tanto e così a lungo nel corso di questi anni. Perché lui non è un giocatore qualunque. Ma è l’emblema di una parte di città che, se dovesse perderlo, non smetterebbe di piangere.

Per fortuna a strappare un sorriso ai tifosi più romantici c’è Cristian, detto “er Pupino”, che segue le orme paterne ed è già una promessa. Il sogno di vederlo un giorno in campo, magari con la stessa maglia del papà, è ciò che può consolare il popolo romanista, schierato compatto affinché la dirigenza giallorossa prolunghi il contratto al campione.

Tutti sanno che Francesco vorrebbe giocare almeno fino a quarant’anni, magari per provare a battere il record di Silvio Piola che, oggi, è l’unico calciatore ad aver segnato più gol di lui in serie A: al momento gliene mancano ancora trentadue per raggiungerlo. Tanti per chiunque, probabilmente, ma non per Totti.

E forse è per questo che gli inglesi, abituati a scommettere su tutto, non credono che Francesco si fermerà quest’anno: secondo i bookmakers sono molto basse le probabilità del suo ritiro a fine stagione.

Per loro il Pupone continuerà a sgambettare in campo a lungo. E, se vorrà diventare padre per la terza volta, dovrà farlo tra una partita e l’altra. llary è avvertita.

Condividi