Germanwings: crolla il mito della sicurezza tedesca

183

La tragedia del volo della Germanwings, sta facendo fortemente vacillare alcune incrollabili certezze in Germania, compresa quella della proverbiale sicurezza tedesca. E’ il noto settimanale Der Spiegel che lancia l’argomento con un articolo intitolato “Senza il terreno sotto i piedi”; l’articolo dichiara senza mezzi termini che l’incidente aereo provocato dal giovane e depresso co-pilota Lubitz, mette la parola fine al mito della sicurezza teutonica.

L’articolo di Der Spiegel si apre con un’eclatante esclamazione: …Non erano gli altri quelli a cui accadevano grandi tragedie? Terremoti, guerre, catastrofi negli stadi, attentati terroristici o incidenti aerei con centinaia di morti. Tutto questo colpiva persone in regioni lontane e non la Repubblica federale tedesca. Da martedì di questa settimana è diverso, finisce un’illusione. Quella che noi siamo più sicuri degli altri finché ci affidiamo a quel che ci fa tedeschi. È una hybris,un sentimento di superbia che è durata a lungo. Le auto tedesche hanno una buona reputazione a livello mondiale, come finora anche Lufthansa”.l43-lufthansa-120828181545_big

Ricordando uno spot della compagnia tedesca in cui un ragazzino osserva con estatica ammirazione un capitano della Lufthansa, con la divisa impeccabile, forte e austero; che appare come un eroe, come un uomo cui ci si possa completamente affidare, incredibilmente serio. Un’immagine che ha rivelato i propri limiti e la propria superbia come afferma Der Spiegel: “Ora si pone la domanda della colpa. Non necessariamente per dare la colpa ad altri, ma per imparare. Così si vuole impedire che accadano altre tragedie in futuro, ora cade anche l’illusione che ai passeggeri di Lufthansa non possa accadere nulla. Questa è la cesura che rappresenta questa catastrofe, anche in passato sono caduti altri aerei Lufthansa, ma quegli incidenti hanno fatto meno vittime e non ne hanno danneggiato il mito della sicurezza tedesca.

Condividi