Google Blocca i Pedofili con un Algoritmo

1229

Google Blocca i Pedofili grazie ad un algoritmo, impedendo così di accedere alle foto pedopornografiche

Google Blocca i Pedofili con un algoritmo che permetterà di bloccare le circa 100.000 parole chiave utilizzate per fare ricerche di immagini pedopornografiche, questo è quanto trapela dal Daily Mail, una lotta senza pari alla pedofilia sul web.
Hanno lavorato 200 persone a questo progetto che ha permesso di stilare una classifica delle keywords maggiormente ricercate dai pedofili che vanno alla ricerca di immagini compromettenti e illegali sul web, bloccando le ricerche si possono evitare molti abusi sessuali.
Il Sistema è stato testato nel Regno Unito, sarà poi esteso a tutti i paesi di lingua inglese, nell’arco di 6 mesi, ma non basta, la persona che proverà a digitare queste parole si vedrà recapitare un messaggio di illegalità e sarà invitato a contattare il centro assistenza.
Un progetto di enorme portata che vedrà completata la battaglia di Google contro la pedofilia con l’aggiornamento delle keywords in 158 lingue.
Il primo ministro inglese, David Cameron, ha spiegato che le misure adottate da  Google e Microsoft, dopo il rifiuto iniziale di censurare i contenuti pedopornografici, costituiscono un importante passo per evitare gli abusi minorili. I due colossi del web hanno deciso di collaborare con l’Agenzia per il crimine britannica in collaborazione con a sua volta, l’FBI, il tutto per mettere fuori gioco i siti pornografici che ritraggono minori.

Condividi