Grey’s Anatomy, reazioni isteriche per la «dipartita» del dottor Derek

430

Va bene, Derek Sheperd è morto: l’amato personaggio di Grey’s Anatomy non è più tra noi ed è stato fatto Inori con l’espediente narrativo più banale al mondo (un incidente stradale). Ora, però, facciamocene una ragione.

La sollevazione popolare di queste ore sta infatti diventando più inquietante della drastica scelta della creatrice Shonda Rhimes di sbarazzarsi del protagonista di punta della suaserie: in tutto il mondo, i fan di Grey’s Anatomy stanno piangendo Derek al pari di un proprio caro. E poco importa se, in fin dei conti, si sta solo parlando di un telefilm e dunque di un personaggio di finzione: l’insurrezione è mondiale.

Su Twitter è stato lanciato il luttuoso #RIPDerekSheperd, le minacce di abbandonare la serie si sprecano e di certo alcuni fan si stanno già organizzando per picchettare la casa della Rhimes. La quale ne ha già piene le scatole di questi piagnistei: sempre su Twitter, la nostra ha scritto «Basta con questa pazzia! Ricordatevi che non è la realtà». Difficile darle torto, ma i fan appaiono inconsolabili soprattutto da quando l’interprete di Derek, Patrick Dempsey, ha confermato i loro sospetti: la sua dipartita è stata una scelta unilaterale della Rhimes. I due, evidentemente, erano arrivati ai ferri corti. «È accaduto tutto molto rapidamente. Non ci sono state molte discussioni.

E non ero proprio sorpreso. Si è trattato di un “okay, è il momento giusto”. Ma questa è più che altro una questione che riguarda Shonda», spiega l’attore. D’altronde la sua uscita di scena non si spiegherebbe altrimenti: Dempseyaveva firmato anche per la 12° stagione e la storia tra lui e Meredith aveva ancora molto da dire. «Credo che sarà davvero scioccante per i fan», aggiunge candidamente l’attore, in realtà ben consapevole che a lasciare di sasso sarà proprio il modo in cui Derek tira le cuoia. L’incidente è infatti solo la miccia che innesca la sua dipartita: a dargli il colpo di grazia sono dei medici, meno bravi di lui, che sbagliano le cure. Un finale quasi parodistico, come avranno modo di vedere gli italiani il 1 giugno, quando FoxLife trasmetterà la puntata alle ore 21.

Tuttavia lo psicodramma nato attorno alla morte di Derek non è un caso isolato: la tv pullula di «decessi mal digeriti». Ha fatto per esempio scalpore l’uscita di scena del protagonista Brody in Homeland: accusato di terrorismo, è morto impiccato, lasciando l’amata Carrie da sola e gravida. Ha inoltre segnato la storia del piccolo schermo la fine del magico trio di Streghe: la protagonista Prue Hal-liwell, interpretata da Shannen Doherty, muore sacrifi-candosiper le altre due sorelle. Alla base della sua dipartita c’erano le tensioni con il resto del cast e la produzione.

Nelle stagioni seguenti è stata sostituita da Rose McGowan. E che dire del caso di Dallas? Le proteste per la morte di Bobby Ewing sono state tante e tali da costringere la produzione a riesumarlo. Difficile inoltre dimenticare l’insurrezione per la decisione di uccidere il personaggio Marissa Cooper di O.c. I fan, inferociti, hanno abbandonato il telefilm che, guarda caso, ha chiuso ibattenti proprio l’anno seguente. Recentissimo, invece, l’annuncio dell’uscita dal cast di Vampire Diaries della protagonista Nina Dobrev (la serie è attualmente in onda su Mya di Mediaset Premium ogni giovedì alle 21.15).

Ufficialmente, c’è la volontà dell’attrice di percorrere nuove strade professionali. In realtà sulla scelta ha influito la rottura con l’ex fidanzato Ian Somerhalder: pare che la Dobrev si rifiutasse di condividere il set con lui. Non ultimo c’è un caso tutto italiano: la morte di Mauro Belli (Ricky Memphis) in Distretto di polizia diede vita a una vera e propria sollevazione popolare. Allora era il 2006, i social network ancora non esistevano ma i fan hanno ugualmente trovato il modo di farsi sentire, forte e chiaro, da Mediaset.

Hanno scritto mail, inviato fax, organizzato forum su internet. Già allora si era scritto: i problemi della vita sono altri. Non per i fan dei telefilm, a quanto pare.

Condividi