Il Killer di Antonella Bazzanella, confessa l’omicidio dopo 28 anni

303

Meglio tardi che mai potrebbe essere il detto giusto per questa incredibile storia che ha come protagonista un uomo il quale dopo ben 28 anni ha deciso di confessare un delitto.

Si tratta dell’assassino di Antonella Bazzanella, ovvero la cameriera di Trento uccisa il 21 giugno 1987 all’età di 25 anni quando si trovava a Karlsruhe in Germania. E’ successo davvero un uomo di 47 anni si è presentato alla polizia di Basilea, in Svizzera confessando di aver ucciso la giovane donna emigrata in Germania dove viveva e lavorava come cameriera a Durlach. La notizia è arrivata giusto ieri alla questura di Trento e nel giro di poco tempo è stata diffusa dal quotidiano Spiegel Online.

Il Killer di Antonella Bazzanella, confessa l'omicidio dopo 28 anni

Le indagini effettuate a quei tempi dalla polizia non portarono a nulla, ed infatti dal racconto dell’assassino lo stesso subito dopo aver commesso l’omicidio si sarebbe rifugiato in Svizzera. L’uomo racconta di aver deciso di confessare l’omicidio « per liberarsi da un peso insopportabile che gli gravava sulla coscienza». L’uomo, inoltre, ha raccontato di aver adocchiato la ragazza mentre attraversava il bosco in bicicletta e poi di averla aggredita ed infine strangolata fino ad ucciderla, infine l’avrebbe legata e trascinata nei cespugli. E’ questo il tragico racconto dell’uomo che però nega di aver commesso violenza sessuale sulla giovane ed infatti dalle indagini non sarebbe risultata alcuna violenza sessuale subita. In seguito al ritrovamento del cadavere in un bosco, alcuni testimoni oculari dichiararono di aver notato un giovane aggirarsi intorno al parco e nel contempo venne effettuato un identikit,ma quello che conta è che l’uomo in questione non finì mai nella lista dei sospettati.

Condividi