Isis rapiti 21 cristiani egiziani

315

Manca ancora l’ufficialitá ma il massacro annunciato tramite siti e social network potrebbe essere ritenuto attendibile secondo i media egiziani. 

Due fotografie in allegato con una didascalia che riporta la seguente frase: “Lo Stato islamico compie l’esecuzione dei prigionieri copti della provincia di Tripoli” la prima delle due fotografie mostra cinque uomini incappucciati e inginocchiati per terra con un boia alle spalle, sotto una didascalia in inglese : “gli umiliati seguaci della chiesa copta”.images (16)

Nella seconda fotografia invece un gruppo di uomini incolonnati ma con un’altra didascalia: “vendetta per le musulmane perseguitate dai crociati copti d’Egitto”.

Le immagini riportate anche sulla rivista inglese dell’Isis e diffuse successivamente anche su internet annunciano solamente il rapimento e non l’esecuzione delle vittime, resta cosí alta la speranza che si tratti solamente di una forzatura fatta sui social e non il riflesso della realtá dei fatti.

Intanto il governo egiziano da settimane ha istituito un’unitá di crisi per seguire l’intera vicenda, ma non ha assolutamente confermato le morti dei copti delle due fotografie, stanno infatti cercando di stabilire dei contatti con le parti libiche cosí da chiarire la situazione e conoscere la reale situazione dei fatti.

La minoranza cristiana in Libia sempre piú in difficoltá sul territorio ha da sempre lamentato l’aumento dei movimenti musulmani radicali nelle zone dell’est dove numerosi sono stati gli attacchi contro i copti.

Condividi