Isis, smantellata una cellula di estremisti islamici

262

Smantellata una cellula di estremisti islamici che operava tra l’Italia ed i Balcani dopo una lunga indagine durata circa due anni.

La cellula è stata smantellata dall’Antiterrorismo della Polizia e stando a quanto riferito, era dedita al reclutamento di aspiranti combattenti ed al loro instradamento verso le milizie dell’Isis. Sono state arrestate tre persone, ovvero due albanesi, zio e nipote ed un italiano. Si tratta nello specifico di un cittadino albanese, Alban Haki Elezi, un uomo di 38 anni e residente a Kavaaja a circa 40 chilometri a sud di Tirana.Il secondo arrestato è invece Elvis Elezi, ovvero un ragazzo albanese che frequentava un istituto tecnico a Ciriè proprio dove vive la sua famiglia.

Iraq, combattenti di Saraya al-Salam in partenza per Tikrit contro Isis

Diffusa la notizia del suo arresto è intervenuta la preside dell’Istituto che il ragazzo frequentava,  la quale avrebbe dichiarato: «Sono basita ho la pelle d’oca. Proprio non me l’aspettavo.Elvis è sempre stato un ragazzo volenteroso e non ha mai dato alcun tipo di problema dal punto di vista disciplinare, proprio non mi aspettavo che potesse avere simpatie per l’Isis, non ne ha mai dato alcun segnale». Il terzo arrestatato invece è un italiano di origine marocchina, ritenuto l’autore del documento di propaganda dell’Isis, ovvero un testo lungo 64 pagine scritte in italiano e diffuse poi sul web. L’indagine che ha portato all’arresto dei tre soggetti, come già anticipato è durata circa due anni ed è stata coordinata dalla Direzione centrale della Polizia di prevenzione, il Prefetto Mario Papa e coordinata dall’Ucigos e condotta dalla Digos di Brescia con il discorso delle questure di Torino, Como e Massa Carrara. 

Condividi