Italiano Ucciso in Gb perché accusato di rubare il lavoro ai Residenti

1649

Italiano Ucciso in Gb perché accusato di rubare il lavoro ai Residenti, è successo ad un Ragazzo Italiano di 19 anni

Italiano Ucciso in Gb perché accusato di rubare il lavoro ai Residenti, questa è la storia di Joele un ragazzo italiano emigrato in Gb alla ricerca di fortuna. Aveva scelto di stabilirsi a Maidstone nel Kent, e lì viviva da 10 giorni con un amico, studiava e lavorava.


Ma domenica sera un gruppo di giovani del posto di età compresa tra i 21 e 25 anni ha organizzato una spedizione punitiva contro il ragazzo, sembrerebbe che prima del massacro sia stata pronunciata una frase “Ci rubi il lavoro“,  Joele e l’amico Alex, entrambi di Lecco, lavoravano in un ristorante e quella sera, come si legge sul Giorno, i clienti si sarebbero risentiti del fatto che a servirli c’erano due italiani, persone che rubavano il lavoro ai sudditi inglesi.

Dopo la fine del turno lavorativo i due ragazzi sono tornati a casa e qui sarebbero stati raggiunti dal gruppo che li ha picchiati a sangue fino all’arrivo dei soccorsi, per Joele non c’è stato nulla da fare, per Alex non ci sarebbero pericoli di vita, ma solo qualche cicatrice e un brutto ricordo.

Dopo il massacro il gruppetto si è recato al ristorante e quando è arrivata la polizia stavano cenando allegramente.

Condividi