Categoria terapeutica n.1: “L’uomo non ancora pronto”

1396

L’Uomo non ancora Pronto, come riconoscerlo per evitarlo e come trattarlo se lo hai accanto

Composizione  “L’uomo non ancora pronto”. Questa tipologia maschile è molto dannosa perché nasconde una velata impotenza sentimentale, molto diffusa ai giorni nostri. Non solo. Noi donne potremmo pensare a come sono sinceri e corretti questi uomini, che mostrano subito le proprie fragilità e debolezze, mettendo le mani avanti dicendo di non essere pronti per stare ma pronti per frequentare. Scuse! La verità, nella maggior parte dei casi, è che non si vogliono assumere nessuna responsabilità se non quella di avere una donna a spot, la famosa donna da ogni due settimane, nella migliore delle ipotesi. Diffidate da un buonismo che ci ha accompagnato per anni. Seguiamo la saggezza della nostra mente e non la debolezza del nostro cuore che vorrebbe sempre credere che sia sempre un lieto fine, e che porta noi donne ad aggrapparsi anche solo ad una carezza per sentirsi amate e volute.

Principio attivo: Stitichezza sentimentale
Eccipienti: Le caratteristiche principali di questa tipologia maschile, molto diffusa, sono: un apparente stato emotivo non ben definito, una veloce facilità nell’utilizzo della parola “frequentarsi”, un sovente sguardo malinconico, una presenza intermittente, una quantità di scuse che riempirebbero la borsa di Mary Poppins, un racconto melodrammatico della precedente storia d’amore, con conseguente trauma quasi irreversibile,  una perdita generale di memoria e, soprattutto, del numero di telefono della donna, via via che il rapporto si protrae nel tempo.

Indicazioni terapeutiche: Questi uomini sanno sfruttare in modo intuitivo questa confusione per raggiungere la loro meta. Spesso alle poverette viene detto: “Sono in un momento di transizione; saresti perfetta, ma è il periodo ad essere sbagliato.” Sono molto abili nel mettere subito le mani avanti. Come ci piace crederci! Invertiamo la rotta dei nostri gusti in merito alle scuse, oltre che agli uomini.

Modalità di assunzione:  E’ consigliata l’assunzione preferibilmente a stomaco pieno. Solitamente questi uomini giocano subito il jolly, sfoggiando doti di magnifici chef e provetti sommelier. La spensieratezza di questi uomini è fugace come un panino al fast food. Se dovesse subentrare un certo bruciore di stomaco, porvi subito rimedio, con un buon canarino preparato amorevolmente dall’amica che aspetta, come sempre, il responso serale.

Avvertenze speciali: Il buongiorno si vede dal mattino! Alle prime manifestazioni, interrompere l’assunzione.  Si suggerisce una fuga immediata, prima che sopraggiunga il fatidico spirito da crocerossina o il bisogno di lanciare il salvagente, che alla fine fa affondare la barca. Facciamo affondare solo loro.

Modo e tempo di somministrazione: Solitamente si suggerisce, con questa tipologia di uomini, di assumerli non giornalmente, ma quando si avvertono le condizioni astrali favorevoli: luna piena, cielo stellato,  e distanza dal ciclo mestruale maschile. E’ consigliata una lettura della mano o delle carte. Rimedi veloci per interventi immediati.

Effetti collaterali: Si sono riscontrati danni fisici anche gravi, quali malformazioni alle mani,  ronzio alla testa, dovuti dall’essere costantemente attaccate, come ad un cordone ombelicale, al proprio cellulare in attesa di chiamate o messaggi che non arrivano. Può, inoltre, sopraggiungere una dipendenza chiamata “Io ti salverò”. Non funziona!

Scadenza e conservazione:  Con questi uomini la scadenza va rispettata rigorosamente. Solitamente durano non più di 1 mese, dopodiché vanno a male, pertanto godiamoceli nel pieno del loro massimo splendore, altrimenti non se ne vedranno i benefici, se pur limitati nel tempo.

Suggerimenti: Se li incontrate per strada, fate finta di inciampare, cambiate direzione, e aspettate uomini che siano almeno pronti. Iniziamo con una buona base. Siamo sempre in tempo a trovare la maionese che impazzisce.

IL presente articolo è un’esclusiva, non è possibile riprodurlo in toto o in parte senza citare e linkare la fonte.

Condividi