La biblioteca dei mille libri Recensione e Trama

2042

La biblioteca dei mille libri Recensione e Trama, un libro di Irfan Master- Una commuovente istantanea dell’India negli anni 40: Può l’amore per i libri cambiare la vita di un uomo e di suo figlio?

La biblioteca dei mille libri Recensione e Trama– “Un dolore acuto allo stomaco, che mi era venuto per l’ansia mentre stavo parlando con Doctorji, mi attanagliò. Chiusi forte gli occhi per resistere. Perchè non se ne accorgeva? Stava cambiando tutto, tutto andava a rotoli.”

Il giovane Master vive in Inghilterra, ma è nato nel Gujarat, la regione indiana dove costruisce il suo suggestivo romanzo.
La storia è ambientata nel 1947, in un territorio dell’India settentrionale dove la povertà è l’ultimo dei pensieri per gli abitanti. A dilaniare questa terra vi è una guerra intestina, che porta anche i fratelli ad odiarsi a vicenda. Il desiderio di ogni uomo in questo orribile scenario è quello di non vedere, non sentire il dolore e conservare il ricordo della propria patria in pace.

Ed è questo che Bilal, un ragazzino coraggioso, cerca di fare per il suo bapuji, il suo adorato padre che già soffre abbastanza per la sua malattia e che è tutto ciò che gli resta della famiglia.

Ecco allora che Bilal, aiutato dai suoi più fedeli amici, trova mille fantasiosi pretesti per isolare il padre, costretto a letto, dal resto del mondo, facendo commuovere e insieme divertire il lettore.

Quest’ “opera-debutto” è già un successo per la maestria con la quale vengono esaltatati i valori della vita, che devono rimanere un punto fermo anche nelle situazioni peggiori. L’amicizia, la famiglia ed il coraggio sono la meravigliosa essenza di questo romanzo.

Condividi