La fitoterapia per curare l’ansia

939

La fitoterapia, ovvero la cura delle malattie attraverso i rimedi vegetali, sta assumendo sempre più vasta importanza all’interno della nostra cultura ed ultimamente si sta sperimentando la fitoterapia per curare l’ansia.


Usare questi nuovi rimedi, ovvero la fitoterapia, per la cura di patologie non molto    preoccupanti ma comunque influenti qualitativamente sulla vita, come l’agitazione e l’ansia, non vuol dire dare scarsa considerazione ai medici e alle cure farmacologiche vere e proprie.

Da Los Angeles, la Global Neuroscience Foundation avverte che si potrebbero  ottenere benefici da fiori ed erbe per quanto riguarda le patologie psicosomatiche ed emotive.

Nello specifico, ecco alcuni esempi utili per curare l’ansia con la fitoterapia.

Forse potrebbe interessarti: Ansia, il parere della psicologa

  • Tintura madre di Valeriana: aiuterebbe per agitazione ed inquietudine.
  • Melissa: sarebbe utile per la sensazione di agitazione, come ad esempio quella provata dopo un litigio
  • Escolzia(papavero americano): potrebbe aiutare in caso si soffrisse di risvegli notturni.
  • Tintura madre di Passiflora: potrebbe essere indicata per chi soffre di ansia.
  • Incaranta(stessa pianta della Passiflora): potrebbe aiutare per le somatizzazioni da ansia a discapito di intestino e stomaco.
  • Biancospino: potrebbe essere usato per le conseguenze dell’ansia a livello di ritmo cardiaco,come batticuore e tachicardia.

Naturalmente, gli effetti della fitoterapia vanno sperimentati dietro accurati consigli da parte di terapeuti specializzati.

Condividi