Legame Mamma e Figli – Un legame che inizia con il Profumo

1670

Legame Mamma e Figli- l’alchimia che si crea quando una mamma per la prima volta prende tra le braccia il proprio bambino è qualcosa di indescrivibile.


Legame Mamme e Figli è una magia e questa magia ha, come ingrediente speciale, quello del profumo.

 Questo è quanto scoperto da un recente studio effettuato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Montreal, in Canada: il profumo di bambini di poche settimane di vita attiva i centri cerebrali del piacere nelle neo-mamme, rinforzando con questo meccanismo il legame mamma-figlio.

La rivista scientifica Frontiers in Psychology mostra un rapporto un cui si legge che
“il legame che si crea tra mamma e figlio risponde alle necessità biologiche del neonato, cioè attrarre qualcuno che si prenda cura di lui”.

Per effettuare lo studio, i ricercatori hanno sottoposto 30 donne ad una tac celebrale, delle quali 15 avevano partorito 2 settimane prima, mentre le altre 15 non avevano mai avuto figli, e ne hanno analizzato le reazioni quando messe di fronte all’odore dei neonati  o di semplice aria fresca.

Il risultato ottenuto dimostra come in tutte le donne sia risultata esserci un’attivazione della zona cerebrale legata alle sensazioni di piacere, ma nelle 15 neo-mamme l’attivazione è risultata decisamente più intensa e duratura.

“L’esperienza di annusare un neonato equivale al prendere una medicina che funge da rilassante muscolare e da una sensazione di benessere”

è quanto affermano alcune delle neo-mamme sottoposte al test.

Johannes Frasnelli, autore della ricerca, spiega che

“A venire coinvolte nella reazione all’odore dei bimbi piccolissimi sono le stesse aree cerebrali che rispondono quando si ha finalmente da mangiare dopo ore di digiuno o quando un tossicodipendente ha finalmente la droga di cui sente il bisogno. La natura ha evidentemente dotato le donne di uno strumento che aiuta il legame tra la madre e il figlio neonato quando il bambino ha bisogno di attenzioni per la stessa sopravvivenza”.

Condividi