Lo slogan Pomì che mette a repentaglio un’intera economia

1097

 le conseguenze morali ed economiche della pubblicità delle passate

pomi

Slogan Pomì- Da qualche giorno è comparso uno slogan, che ha fatto molto discutere, di un noto produttore di conserve, la Pomì, che recitava: “Solo da qui. Solo Pomì” con un grosso pomodoro sulla cartina dell’Italia messo a cavallo tra Lombardia e Emilia. Lo slogan ha fatto molto discutere proprio perchè, in questi giorni, sono state rese note le dichiarazioni di Schiavone, boss dei Casalesi, riguardo i rifiuti tossici che sono stati sotterrati sotto i terreni del sud. Terreni da cui nascono le famose mozzarelle di bufala campana dop ma anche i pomodori di San Marzano. Ricordiamo che il settore agricolo campano presenta ben 136mila aziende con un fatturato di 3 miliardi di euro e 65mila addetti mentre per quanto riguarda le conserve di pomodoro(ANICAV) L’85% delle aziende iscritte sono campane e il fatturato è di circa 1,5 miliardi di euro.

La frase che campeggiava nello slogan, sembrava volesse rimarcare questa differenza tra Nord e Sud, come per dire che i pomodori non provenissero dalle terre infestate dai rifiuti e questo ha indispettito moto i produttori di conserve della Campania, che attraverso l’ANICAV, hanno dichiarato:”L’ANICAV stigmatizza fortemente il fenomeno in atto di criminalizzazione dell’intero settore del Meridione”.


Subito c’è stata la risposta del Consorzio Casalasco a sostegno della Pomì: “Non era nostra intenzione creare discriminazione o polemica. L’annuncio nasce con l’intento di rispondere alla richiesta da parte dei consumatori in merito alla provenienza del nostro pomodoro”.

Però a calmare gli animi è intervenuta Nunzia de Girolamo, ministro delle Politiche Agricole dichiarando che il Made in Italy è unico ed indivisibile perchè i prodotti italiani sono tutti controllati e che l’emergenza rifiuti non deve essere strumentalizzata.

Condividi