Loredana Lecciso avverte Romina: “Nessuno potrà cancellare l’amopre tra me ed Al Bano”

3257

Al centro degli attacchi di chi la vede come un ostacolo al ritorno di fiamma tra Al Bano e Romina Power, Loredana Lecciso non ci sta a passare come terza incomoda. Di fronte alla favola della riappacificazione tra il compagno e la sua ex moglie – che oggi girano il mondo insieme cantando i vecchi successi e facendo sognare di nuovo i fan – la madre dei due figli più piccoli di Al Bano tiene a far sentire le sue ragioni.

Ma sempre con il sorriso sulle labbra, senza volersi scontrare direttamente con la “rivale”, Romina.

«Il nostro rapporto non è etichettabile»

Perché Loredana, in questo momento della sua vita, giura di essere così serena che questa strana “sfida” con Romina non la preoccupa affatto.

E si mostra scherzosa, senza un filo di ansia. Anche nel col-legamento con Porta a porta, nella puntata che presentava il concerto all’Arena di Verona dello storico duo, la showgirl pugliese è apparsa raggiante. «La gelosia è un sentimento che non provo più da tempo. Questa per me è la fase della maturità», dice a Nuovo la Lecciso. Sul suo rapporto con Al Bano, però, prova a mischiare le carte: «Nessuno ci porterà via il nostro passato d’amore. Abbiamo avuto due figli splendidi, di che cosa dovrei essere preoccupata?».

Bruno Vespa ti ha presentata come «la compagna di Al Bano». Mentre Romina dice che lui è single…

«La verità è che il rapporto tra me e Al Bano non è etichettabile. Alla fine è la sostanza che conta. Puoi essere amica, moglie o amante, l’importante è stare sempre bene insieme».

Quindi sei felice che lui stia vivendo questa seconda giovinezza con Romina?

«Più che seconda giovinezza mi piace il fatto che riesca sempre a rinnovarsi. Lo trovo un uomo in continua evoluzione artistica. Sta portando a-vanti quello che è il suo percorso. Che sia solista, che canti con i tenori Plàcido Domingo e José Carreras o che si esibisca in duo, lui riesce sempre a essere un grande artista, al di là dei gusti personali che ha il pubblico».

Che sentimenti provi per il ritorno di Al Bano e Romina in coppia sul palco?

«La vivo bene, grazie a Dio. Evidentemente cambiano gli equilibri, le situazioni. Sono serena, a prescindere dal mio rapporto con lui».

In Tv, da Vespa, sei anche riuscita a strappare sorrisi ad Al Bano…

«Non me ne sono accorta, però mi fa piacere. Strappare un sorriso è sempre una bella cosa. Anche perché non nascondo che tra noi non è sempre stato tutto rose e fiori. In passato l’ho fatto arrabbiare».

Hai sottolineato più volte che quando lui, negli anni Ottanta, duettava con Romina, tu eri una bambina. Sembrava un modo per rimarcare che sei molto più giovane di loro…

«Forse l’ho ripetuto troppe volte? Però è un dato oggettivo. Io seguivo la coppia con gli occhi di una bambina. Mi arrivava un bel messaggio dal loro sodalizio».

E poi invece quella relazione è andata come è andata.

«Ma mica è andata male! La loro è stata una bellissima storia. La gente ama Al Bano perché lui rispecchia da sempre la società. Negli anni Ottanta cantava l’amore e i valori della famiglia. E sempre stato al passo con i tempi. Le persone intelligenti fanno così: non si fermano a guardare indietro, si adeguano alle situazioni. Questa è l’espressione massima di libertà. E lo dice una che ha sempre faticato ad accettare i cambiamenti».

«Non c’è spazio per la competizione»

Romina Power ha detto che di Al Bano ha sempre a-mato il profumo. A te invece cosa piace di lui?

«Sono cose personali… Non lo dirò mai!».

Che è un grande padre per i vostri figli, per esempio. Lo hai ripetuto più volte.

«Questo infatti è già un grande complimento».

Ma vivi lontana da lui…

«Mi divido tra Lecce e Cellino San Marco. Metà e metà. Un giorno qui, un altro lì e domani non si sa».

I fan rivorrebbero Al Bano innamorato di Romina. Con la Power senti la competizione per lui?

«A 42 anni non si vive più di rivalità, sarebbe riduttivo. Altrimenti si vivrebbe per niente. Alla mia età si acquisiscono altre logiche, non c’è più spazio per la competizione. Si è troppo vecchie per provare simili emozioni».

Quindi non sei gelosa?

«Ammetto di non esserlo. E pensare che in passato sono sempre stata una donna estre mamente gelosa. Era una mia caratteristica».

Significa che sei diventata più sicura di te stessa?

«Forse sì. E senza gelosia si vive veramente bene. E un lusso che quando hai figli e responsabilità non puoi permetterti. Anche perché spesso si dimentica che dietro il personaggio Lecciso, che a qualcuno potrà anche sembrare superficiale, c’è una vita vera, molto più impegnativa e molto più profonda, che va ben^oltre la tivù. E se devo essere sincera, in questo momento il mio impegno principale è fare la mamma e mi va bene così».

«Yasmine ha la voce bella del papà»

A proposito dei tuoi figli: la più piccola, Yasmine, sembra destinata a seguire le orme del papà. E di lei si dice che canti molto bene.

«Sì. Lo dicono gli addetti ai lavori. E ammetto che il primo ad affermarlo è stato proprio suo padre, Al Bano. Io ovviamente sono di parte, ma devo riconoscere che Yasmine ha davvero una bella voce».

Ti piacerebbe che da grande facesse la cantante?

«Intanto vorrei che vivesse questa passione più come un hobby. Però in futuro, se le dovesse piacere davvero, perché no? Non ho preclusioni verso alcun lavoro».

Ma in cuor tuo che cosa sogni per il futuro di tua figlia?

«Se facesse il medico come mio padre, be’, lo preferirei».

E se, invece, un giorno arrivasse a duettare all’Arena di Verona a fianco del celebre papà?

«Sarebbe meraviglioso e potrebbero benissimo farlo, ma prima lasciamola crescere. Forzare il futuro dei figli sarebbe far loro del male».

Come cerchi di educarli?

«Io adesso mi impegno a stimolarli e appoggiarli nelle loro scelte, affinché riescano a realizzare con sicurezza tutti i loro sogni. E spero, nel mio piccolo, di esser loro d’aiuto in questo modo».

Condividi