L’Ultima Ruota del Carro Recensione Traile e Trama

712

L’Ultima Ruota del Carro Recensione Trailer e Trama- E’ nelle sale da una sola settimana ed è già stato definito il suo miglior film: il nuovo capolavoro di Giovanni Veronesi

L’Ultima Ruota del Carro Recensione Trailer e Trama- Elio Germano è Ernesto Fioretti, figlio di un tappezziere, una persona semplice che vive una vita semplice, modesta e onesta: uno come noi, insomma.
Il personaggio, interpretato in maniera magistrale dal giovane talento romano, ci racconta la sua storia di vero romano de Roma, ci racconta gli anni della sua vita dalla sua giovinezza fino a quando i suoi capelli non iniziano a mostrare le prime sfumature grigie, segno che anche per lui è arrivato il momento di godersi il meritato riposo insieme alla sua compagna di viaggio di sempre, la sua Angela, che ha il bellissimo volto di un’altra giovane e talentuosa attrice, Alessandra Mastronardi.

 In parallelo al crescere e cambiare del protagonista, il maestro Veronesi ci racconta anche com’è cresciuta e cambiata la nostra Italia: viaggio storico che va dagli eventi degli anni Sessanta ad oggi, passando per l’omicidio di Aldo Moro, il Governo Craxi, la malavità e malasanità, fino al recente sviluppo tecnologico.

 Ernesto per sbarcare il lunario fa un po’ di tutto, senza starsene mai con le mani in mano, dal tappezziere al cuoco d’asilo, dall’autista alla comparsa cinematografica, al trasfocatore, senza però dimenticarsi di realizzare il vero sogno di ogni vero uomo: innamorarsi e poter avere una famiglia tutta sua.

 Ed è’ proprio attraverso il suo lavoro di traslocatore, sempre in giro con il suo federe camion, che  intraprende un viaggio di circa quarant’anni, quel viaggio che lo porterà a vedere come il Bel Paese sta cambiando, come stia diventando, da giovane paese contadino che vive di semplicità e genuinità, al maturo e complicato stato di oggi, che si ritrova a convivere con tecnologie e mostri moderni forse troppo grandi per lui.

 Questi cambiamenti, però, non gli fanno perdere il suo buon cuore e la sua intramontabile fede nell’onestà e nei valori veri e questo aspetto rende Ernesto, agli occhi del pubblico, come una specie di eroe dei nostri tempi, una di quelle persone che riescono a non farsi corrompere dall’idea di una vita da film e dall’accettare le scorciatoie per poterla raggiungere.

Scorciatoie, invece, che tanto piacciono a Giacinto, suo grande amico, interpretato da Ricky Menphis, che non disdegna di superare i limiti imposti dalla legge e dal buon senso pur di non rinunciare al desiderio di soddisfare i suoi desideri.

 Così li ritroviamo a parlare tramite skype, in un’immagine che racchiude tutto quello che di reale ci può essere in questa vita: la tecnologia che sempre più sta prendendo piede nella quotidianità di tutti i giorni, l’amico che ha avuto il coraggio di rischiare e cambiare vita e che ora ti chiama dalla Cina, ed Ernesto, il nostro eroe, che se ne sta sul divano, abbracciato con la moglie e il figlio, godendosi quelle che probabilmente sono le vere gioie della vita.

Ma allora, che rumore fa la felicità? Beh, come ci insegna “L’Ultima Ruota del Carro”, una chiacchierata con un amico vero, il sorriso silenzioso di tua moglie e la risata del tuo bambino.
L’Ultima Ruota del Carro Trailer

Condividi