Lutto nel mondo del giornalismo, morto Gustavo Selva

238

Morto nella giornata di ieri Gustavo Selva,all’età di 88 anni, volto noto del giornalismo Rai oltre che ex parlamentare dapprima nelle fila della Democrazia Cristiana e poi in An e nel Polo delle Libertà.Nato nel 1926, Gustavo Selve è stato un politico e giornalista italiano, ma la sua carriera è iniziata come cronista, inviato speciale e capo della redazione triveneta del quotidiano bolognese.

Fu nel 1960 che Gustavo Selva, entrò in Rai dove venne nominato corrispondente da Bruxelles, da Vienna e da Bonn. Nei primi anni 70 rientrò a Roma diventando caporedattore del Telegiornale Rai unificato e conduttore dell’edizione delle 13.30. Una carriera piuttosto ricca perchè dal 1975 fino al 1981 è stato direttore del giornale radio Radio2 per poi diventare presidente della Rai Corporation di New York e poi dal 1983 al 1984 divenne direttore del quotidiano veneziano”Il Gazzettino”.

Lutto nel mondo del giornalismo, morto Gustavo Selva

Gustavo Selva viveva a Terni, in Umbria già da alcuni anni con la seconda moglie ed infatti lascia tre figli, e quattro nipoti. Selva, nel 2008, venne anche accusato di truffa aggravata per aver utilizzato un’ambulanza fingendo un malore; sembra nello specifico che l’ex giornalista approfittò di un’ambulanza per farsi accompagnare negli studi de La 7 in un giorno in cui la città di Roma era stata completamente paralizzata per la visita del presidente americano George Bush. Questo gli costò una condanna a sei mesi di reclusione e 200 euro di multa. “La sentenza che mi condanna in primo grado a sei mesi di reclusione mi impone un unico e preciso dovere politico e di coscienza come cittadino e come parlamentare: la rinuncia alla candidatura al Senato della Repubblica nel Collegio del Veneto”, disse Selva. I funerali si svolgeranno nella città di Roma.

Condividi