Malattie neurodegenerative,scoperto un interruttore molecolare

293

Novità nel trattamento delle malattie neurodegenerative ovvero quell’insieme di malattie del sistema nervoso centrale accomunate da un processo cronico e selettivo di morte cellulare dei neuroni.

Purtroppo si tratta di un sistema variegato di malattie e per la maggior parte di queste il deterioramento neuronale può comportare deficit cognitivi,ma anche demenza, alterazioni motorie ed anche disturbi del comportamento e psicologici.La novità che stiamo per presentarvi oggi riguarda una sorta di interruttore molecole di una importanza davvero straordinaria perchè potrebbe davvero ” spegnere” i sintomi di moltissime malattie neurodegenerative come il Parkinson e la Sclerosi Laterale Amiotrofica.Malattie neurodegenerative,scoperto un interruttore molecolare

L’interruttore in questione è stato scoperto da alcuni ricercatori italiani dell‘Università di Trento i quali hanno effettuato una ricerca sul campo poi pubblicata sulla rivista Neuron. I ricercatori inizialmente si sono partiti con lo studiare una patologia piuttosto rara ovvero l’atrofia muscolare spinale bulbare meglio conosciuta come la Malattia di Kennedy, e proprio da questo studio che sono poi arrivati a questa grande scoperta.  “La malattia di Kennedy è provocata da un’alterazione del recettore per gli ormoni androgeni, una proteina che non si trova solo nei testicoli ma anche nei neuroni che comandano il movimento e nei muscoli“, ha dichiarato Maria Pennuto ovvero la biologa e coordinatrice dello studio“Un sito simile si trova anche in altre proteine associate a malattie neurodegenerative come il Parkinson, la Sla, la malattia di Huntington e l’atassia spinocerebellare di tipo 1 (Sca1): dai test effettuati sugli animali risulta infatti che lo spegnimento di questo interruttore è in grado di attenuare i sintomi della malattia di Kennedy. Se altre ricerche confermeranno la nostra intuizione anche nelle altre malattie potremo puntare a sviluppare nuovi farmaci molecolari”, ha concluso la biologa. 

Condividi