Mangiare più pollo migliora la salute

918

Mangiare pollo: una ricerca della Chalmers University of Technology di Göteborg in Svezia, con un recente studio ha reso noto, anzi ha invitato a sostituire la carne di manzo con uova e pollo, esplicando come una dieta a base di proteine derivate dal pollame sia un modo intelligente ed economico per ridurre l’impatto umano sul clima.  Il bestiame, e i bovini contribuiscono in modo importante ai cambiamenti climatici, grazie al metano che rilasciano, e alla deforestazione attuata per fare spazio agli allevamenti, vista la crescente domanda. David Bryngelsson, autore della ricerca ha spiegato: «L’allevamento del bestiame è già responsabile del 15% delle emissioni di gas serra. La dieta cui siamo abituati nei Paesi ricchi non è coerente con i nostri obiettivi climatici».

pollo arrosto con verdure alla provenzale_1

Lo studio ha preso in esami diversi scenari per determinare l’impatto sul clima di un cambiamento della dieta umana ed è giunto alla conclusione che è possibile migliorare la situazione ambientale senza rinunciare alle proteine animali, ma sostituendo il manzo con pollame e uova e diminuendo il consumo di latte e formaggi.Bryngelsson ha illustrato i dettagli: «Le persone che hanno una dieta molto ricca di proteine, che si basa sul consumo di pollo,forniscono all’ambiente un contributo maggiore di quello dei vegetariani, che consumano grande quantità di prodotti caseari».

Per il ricercatore, anche se una dieta vegana resta la migliore per attenzione alle esigenze del pianeta, i benefici maggiori si ottengano con lo stop al consumo di prodotti bovini. Ha anche dichiarato: «I vantaggi registrati passando da una dieta a base di pollame a una vegana sono minori rispetto a quelli raggiunti sostituendo il manzo con il pollo.  Cambiare il nostro consumo è il modo più efficace per ridurre l’impatto del cibo sul clima, e i miei studi mostrano che renderebbe molto meno costoso raggiungere obiettivi climatici a livello globale di cambiamenti nei soli settori dell’energia e dei trasporti».

Condividi