Manovra Fiscale: ecco i tagli

878

Manovra Fiscale: l’elenco dei Tagli per “salvare” l’Italia

Manovra Fiscale approda al senato ed è in attesa di essere approvata o modificata, vediamo cosa prevede il testo della Manovra Fiscale.
Cuneo Fiscale– Il rapporto tra le imposte e il costo complessivo del lavoro peserà per 1.5 miliardi di euro nel 2014, si legge sul corriere della sera, il governo vorrebbe raddoppiare il bonus per le imprese passando a 2 miliardi di euro. 600 milioni andranno per il finanziamento della Cig, altri 90 per i contratti di solidarietà.
Ripristinato l’irpef sulla rendita catastale delle abitazioni non locate e resterà la Tasi.

Lavoro– per tentare di arginare la crisi economica e la disoccupazione se verrà applicata la defiscalizzazione dell’Irap potrebbero essere assunte a tempo indeterminato 135.000 persone.


Detrazioni Fiscali– Attualmente è possibile portare in detrazione un lungo elenco di servizi e spese, ma entro la fine di gennaio 2014 per risparmiare rispettivamente 488.4 milioni di euro nel 2014, 772,8 nel 2015 e 516,7 nel 2016, si procederà o all’esclusione di alcune detrazioni o alla riduzione della loro percentuale dal 19% al 17%.

Attualmente queste sono le Spese Detraibili

Sanità– Nessun taglio alla sanità, almeno apparentemente. Resta il blocco del turn-over e la riduzione della specializzazione da 5 a 4 anno. E’ prevista inoltre la deospedalizzazione.

Sanità al collasso: i Tagli e la deospedalizzazione

Pubblica Amministrazione– Tagli per 600 milioni di euro per il 2015 e di 1310 miliardi per il biennio 2016/2017, aumenti di aliquote d’imposta, riduzione delle detrazioni e delle agevolazioni per 20 miliardi entro il 2017. Tagli al pubblico impiego, alla previdenza e alle Regioni. Blocco nei contratti, bloccati ormai da 5 anni gli aumenti sui contratti.

Una clausola recita «per definire un programma straordinario di cessioni di immobili pubblici, al fine di consentire introiti per il periodo 2014-2016 non inferiori a 500 milioni annui», il che equivarrebbe o alla vendita o all’affitto delle strutture pubbliche. Per quanto riguarda l’affitto di luoghi in cui svolgere attività lavorative pubbliche sarebbe meglio delocalizzare nelle zone periferiche le strutture, per risparmiare.

Tasse ed imposte– Oltre alla Tasi, sono previsti gli aumenti dei Bolli, fino al 2 per mille, lo 0.5 per mille in più rispetto ai costi attuali. Nuove tasse sulla Casa come si calcola la Tasi?

Nuovi finanziamenti– Per lo sviluppo e la coesione verranno stanziati 1550 milioni di euro,46.5 per il Fondo di rotazione, 150 per le industrie, l’agricoltura e il turismo che avranno finanziamenti agevolati, altri 150 per la Crescita Sostenibilie, 335 milioni per l’Anas, e diversi milioni di euro per risistemare la Salerno Reggio Calabria, la Milano Venezia, la Bologna Lecce, la Mose, la Rfi, la Napoli Bari.

Altri interventi– 600 Milioni di Euro per l’ambiente, fondi anche per le persone non autosufficienti, per le vittime della violenza sessuale , per la mobilità sanitaria internazionale, figurano voci come fondi per le missioni all’estero, al sisma in Calabria e Basilicata, alle università e all’editoria, alla forestale e ai Carabinieri.

Condividi