Mattarella apre il Quirinale al pubblico

220

Sergio Mattarella aveva preannunciato che il Quirinale sarebbe diventato sempre di più la «casa degli italiani» ed è stato di parola. «Ci troviamo in un luogo simbolo della cultura e della storia degli italiani», ha spiegato. «E’ un palazzo che ha accompagnato la storia d’Italia e degli italiani e che continua, giorno dopo giorno ad accompagnarla come sede della presidenza della Repubblica». Un gruppo di lavoro sta già studiando le modalità operative di questa decisione, secondo la direttiva di Mattarella il quale ha chiesto di aprire il percorso delle visite ad altri ambienti del palazzo e di utilizzare nuovi spazi per le attività espositive permanenti o temporanee. Toccherà ora al gruppo di lavoro interno, supportato anche da alcuni esperti, rendere operativa la decisione considerando tutti gli aspetti – non ultimi quelli di sicurezza e di personale necessario -per consentire l’apertura tutti i giorni.mattarella

Si tratta della prima decisione ufficiale del mandato di Mattarel-la; ed essa non a caso s’iscrive in quel percorso di concreto riavvicinamento dei cittadini alle istituzioni evocato dal nuovo Presidente nel discorso d’investitura come il più mezzo più efficace per sconfiggere l’antipolitica e rafforzare l’unità nazionale. Un Quirinale aperto a tutti i cittadini secondo uno stile sempre più pertiniano se non nei toni nella sostanza; e ovviamente aperto anche alle forze politiche che chiedono udienza al Presidente. Come accadrà stamane ai capigruppo di Sel e di Forza Italia che saranno ricevuti dal Mattarella; mentre si sta lavorando ad un’udienza dei grillini. Naturalmente il capo dello Stato ascolterà le opinioni dei suoi interlocutori su riforme e quant’altro vorranno esporre. Ma certo è da escludere in modo tassativo che possa accogliere eventuali appelli o richieste d’intervento che possano menomare l’autonomia dei presidenti dei due rami del Parlamento.

Condividi