Meningite: ministero Salute, nessun problema reperimento vaccini

63

I casi di meningite da meningococco sono stabili e in linea con gli anni precedenti, come confermato dall’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche. Roberto Burioni, papà e medico, è diventato il paladino dei vaccini. “Richieste che non corrispondono ad un reale incremento dei casi di meningite meningococcica nella nostra regione, dove, al contrario si è registrato un numero inferiore di casi di meningite meningococcica negli ultimi anni”. Una moda purtroppo diffusa, spesso figlia dell’ignoranza o ancor peggio, di credenze da “pseudoscienza” e dunque pericolosissima. “Nel 1986 in Italia è diventato obbligatorio il casco per guidare la moto”.

Tuttavia, siccome grazie alle legge il casco era indossato dal 97% dei motociclisti (contro il 15% prima della legge), la maggior parte dei morti e dei feriti erano a quel punto motociclisti muniti di casco. Da gennaio il vaccino contro la meningite B è gratuito per i nuovi nati (le famiglie riceveranno a casa l’invito). Semplicemente non protegge al 100%, ma la sua efficacia è indiscutibile ed indiscussa. Altrove non ha senso richiedere immediatamente la protezione contro il tipo di meningite più pericoloso, il meningococco di tipo C. È stato condiviso il contenuto di una circolare informativa che sarà diramato al personale sanitario, ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, nell’ambito della quale vengono ribadite le principali indicazioni per la vaccinazione antimeningococcica. Così facendo impediremo la circolazione di questo pericoloso batterio e proteggeremo anche gli sfortunati che non hanno tratto beneficio dalla vaccinazione. Ringrazio anche i numerosi siti che hanno ripreso il mio commento “la scienza non è democratica”, che ha stimolato una accesa discussione in rete.

Non si diffonde nell’aria con lo starnuto, come il virus dell’influenza. Nelle ultime settimane c’è stato un boom di richieste per il vaccino anti-meningite, a causa del panico che in breve tempo è dilagato nelle città. Ad esempio si sono verificati 940 casi di meningite da pneumococco nel 2016 (rispetto ai 1256 casi del 2015) e 80 da emofilo (rispetto ai 131 del 2015). La vaccinazione è, sicuramente, lo strumento più efficace per la prevenzione della meningite batterica, che a differenza della virale, è la più pericolosa. Questo come quello contro l’influenza. Gli interventi, scritti da persone che avevano travisato il contenuto di quanto avevano inserito nei commenti, lo facevano al contrario apparire errato. Da anni diciamo che è importante proteggersi e abbiamo sempre dato tutte le informazioni necessarie. Ora io mi chiedo? Come mai solo ora? Non accenna a placarsi la psicosi meningite, migliaia di persone chiamano le asl per prenotare la vaccinazione anti meningite ma, spiegano dal ministero della Salute e da ben quattro società scientifiche, non esiste motivo per una corsa indiscriminata al vaccino, soprattutto fra le persone che non sono a rischio. Non lo ritengo giusto. Quali sono i più aggressivi e quali i più frequenti? .

Condividi