Milano, neonato abbandonato in un prato avvolto in un sacchetto di plastica

308

Nel pomeriggio di ieri a Cormano nel Milanese è stato ritrovato un neonato dentro un sacchetto di plastica, abbandonato sul ciglio della strada.

La scoperta è stata effettuata da una donna una 75enne proprietaria di un orto presente nell’area incriminata ovvero dove è stato ritrovato il neonato con addosso soltanto una tutina e avvolto in un sacchetto di plastica come coperta. Erano le 14.30 quando la donna ha deciso di fare una passeggiata tra gli orti ma arrivata sul marciapiede di via Prealpi ha notato qualcosa di strano, ovvero un sacchetto di plastica, ma avvicinandosi ha scoperto esserci un neonato. La donna ha subito chiamato il marito e poi insieme hanno chiamato il 118; intervenuti sul posto sia la polizia che un’ ambulanza del 118 ed una pattuglia di carabinieri di Sesto San Giovanni.

Milano, neonato abbandonato in un prato avvolto in un sacchetto di plastica

«Pensavo fosse un bambolotto dopo un attimo sento piangere e le gambe mi tremano», ha dichiarato la donna che ha preferito non toccarlo fino a quando non sono giunti gli operatori del 118. Il piccolo è stato subito ricoverato presso l’Ospedale Niguarda ma le sue condizioni di salute risultano buone; da quanto emerso, inoltre, il neonato sembra essere nato da circa una settimana e ciò che si presume è che non si tratti di un bambino di origine italiana vista la sua pelle di colore olivastra. I medici del reparto di Neonatologia ritengono che il piccolo sia nato in casa e circa una settimana fa, come già anticipato. Nessuna notizia invece della madre, tanto che i carabinieri hanno aperto un’indagine per cercare di individuare la donna che ha messo al mondo il neonato e poi lo ha abbandonato.

Condividi