Neonato è stato lasciato nella “Culla per la vita” di Giarre

330

Un neonato è stato lasciato nella “Culla per la vita” di Giarre; poi soccorso e salvato stamattina dai sanitari del 118. Alle 4.17 la scorsa notte alla Centrale operativa Catania-Ragusa-Siracusa, attiva presso l’ospedale Cannizzaro di Catania, è arrivato il segnale proveniente dalla nicchia posta in via Umbria, a lato alla chiesa di Gesù Lavoratore. La culla garantisce l’anonimato, ma è dotata di un sensore e di una telecamera che rilevano una presenza umana all’interno del vano e attivano l’allarme collegato con la centrale del 118. Il neonato è stato trasferito in ambulanza in un primo momento all’ospedale di Acireale, dove è stato visitato e stabilizzato, e quindi al Policlinico di Catania. Le sue condizioni dicono che sono buone. Visto il periodo festivo il piccolo è stato chiamato Pasquale dal personale medico. Pasquale pesa due chili e 560 grammi. E’ ricoverato nell’Utin (unità di terapia intensiva neonatale) del Policlinico di Catania, alla direzione del professore Vincenzo Di Benedetto. Al momento il neonato è stato posto in incubatrice, ma solo con motivazione precauzionale.

culla per la vita

Ma cosa è la culla per la vita? 
– “La culla per la vita è una versione moderna e tecnologicamente avanzata della medievale Ruota degli Esposti. Si tratta di una struttura concepita appositamente per permettere di lasciare, totalmente protetti, i neonati da parte delle mamme in difficoltà nel pieno rispetto della sicurezza del bambino e della privacy di chi lo deposita.È in luogo facilmente raggiungibile, garantisce l’anonimato della mamma che vuole lasciare il bambino ed è dotata di una serie di dispositivi (riscaldamento, chiusura in sicurezza della botola, presidio di controllo h 24 e rete con il servizio di soccorso medico) che permettono un facile utilizzo e un pronto intervento per la salvaguardia del bambino.
La culla per la vita è un’estrema possibilità di accoglienza e di vita che deve servire ad evitare un estremo gesto di rifiuto. (cullaperlavita.it) – “

Condividi