Nigeria, liberate altre 234 donne che Boko Haram aveva rapito

550

Nigeria: Nella foresta di Sambisa nello Stato di Borno, l’esercito nigeriano macina vittorie contro Boko Haram che aveva rapito centinaia di donne, ragazze e bambine. I soldati nel giro di pochi giorni sono riusciti a liberare oltre 500 donne e sono riusciti a strapparne ai jihadisti altre 234, incluse alcune bambine, tutte rinchiuse nella  roccaforte dei cosidetti ‘talebani d’Africa” e sottoposte a violenze, e torture innominabili, impossibili da immaginare per menti umane.

I risultati sono stupefacenti e molte donne sono cosi scampate agli orrori di Boko Haram; resta il mistero sulle 219 vittime portate via e sequestrate il 15 aprile del 2014 dalla scuola di Chibook, in modo brutale che lascio sotto shock il mondo intero; quel rapimento di massa scatenò un’onda di sdegno commozione che diede il via ad un’imponente campagna di protesta con tanto di ashtag “#bringbackourgirls”, a cui partecipo’ anche la first lady americana , Michelle Obama.

L’esercito ha annunciato che l’operazione di liberazione continua: “l’assalto alla foresta sta continuando da diversi fronti e gli sforzi si stanno concentrando sul recupero degli ostaggi e sulla distruzione di tutti i campi e le strutture dei terroristi (Boko Haram) nella foresta”.

Il bilancio delle azioni dei soldati nigeriani si riassume in liberati 160 ostaggi dalla foresta di Sambisa giovedi, più altre 200 ragazze e 93 donne, tolte dalle grinfie di Boko Haram martedì. Traguardi importanti; ma la lotta è ancora dura ci sono circa 2.000 donne sequestrate secondo i calcoli di Amnesty International, e bisogna fare presto prima che vengano trucidate o esse stesse si tolgano la vita per disperazione come già è successo.

Condividi