Non si potrà più Pagare l’Affitto in Contanti

1739

Non si potrà più Pagare l’Affitto in Contanti, ma solo tramite bonifico bancario.

Pagare l’Affitto in Contanti non sarà più possibile, si legge di un emendamento del Pd alla Legge di Stabilità . Chi non potrà pagare l’affitto in contanti? Non potranno pagare l’affitto in contanti tutti gli affittuari ad eccezione dei canoni corrisposti per per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica (case popolari). Per il resto tutti dovranno pagare o tramite bonifico o tramite vaglia o tramite assegno.
Tutto questo sarà fatto per limitare l’evasione fiscale, saranno gli stessi comuni a dover vigilare e controllare tramite attività di monitoraggio, a fine di assicurare la tracciabilità dei movimenti di denaro.

Pro e Contro– Monitorare gli affitti in nero? Molte persone che pagano l’affitto lo pagano in nero, magari legati da contratti di comodato d’uso che poi in fin dei conti non ha benefici, garantisce la residenza in un appartamento, ma si risolve spessissimo in un affitto in nero, soldi pagati ogni mese che finiscono sottobanco nelle tasche dei proprietari.
In alcuni casi i titolari mantengono la residenza nell’appartamento locato, così da far figurare tutti gli altri come coinquilini, magari ospitati che non pagano, teoricamente l’affitto.
In altri casi l’affitto è registrato regolarmente per una cifra più o meno bassa, alla quale si somma una parte in nero.

La verità è che anche in questo caso a farne le spese non sono le persone che pagano l’affitto in nero e gli evasori, ma solo e soltanto coloro che si comportano onestamente, un esempio pratico è quello di chi paga l’affitto in contanti con regolare ricevuta, in molti casi si fa per risparmiare, giacché il bonifico o il vaglia allo sportello hanno un costo medio che va dai 5 ai 7 euro, a fine anno sono più di 50 euro, niente di straordinario, ma comunque soldi in più “regalati” alle banche o alle poste che potrebbero in tempi di crisi servire per fare la spesa.
Prendiamo ad esempio gli studenti (quelli con contratto regolare registrato) ogni mese soldi in più per pagare l’affitto, fermo restando che chi affitta in nero non verrà comunque colpito.
Pagando invece tramite assegni o bonifici online è necessario possedere un contocorrente, con annesse spese annue, che seppur minime non sono necessarie.
Per smascherare gli evasori non servono queste misure, basterebbe fare controlli incrociati dei consumi di un appartamento che risulta vuoto o occupato da una sola persona, controllare il conto in banca o il tenore di vita.

Condividi