Panciera in gravidanza e dopo il parto: tutto quello che dovete sapere

6669

La panciera può essere un valido aiuto per le donne incinte, ma è bene seguire alcune semplici regole.

incinta-3La panciera in gravidanza sostiene la zona lombare che spesso risente del peso del pancione e della postura sbagliata che si assume, con conseguenti mal di schiena e lombo- sciatalgie. Alcune gestanti non possono farne a meno, ma non tutte la tollerano: altre infatti si sentono “oppresse” o non ne ricevono sollievo.

Non è obbligatorio usarla, quindi la scelta è solo della donna: se non ne sentite la necessità, la gravidanza procederà bene comunque.

Nel puerperio l’uso continuato della panciera, sia dopo un parto naturale sia dopo un cesareo, crea più danni che benefici. Alla donna sembra di star meglio (specie se ha subito un cesareo), perché si sente sostenuta ed ha l’impressione che la pancia si riduca, ma non è così:

1) la guaina non fa lavorare gli addominali perché li comprime, ma questi, specie dopo un cesareo, hanno invece un grande bisogno di ritonificarsi. Per tornare in forma i muscoli devono lavorare, non riposare! Quindi che la pancera riduce la pancia, è solo un’illusione: per tornare piatte, usate creme o oli idratanti per evitare le smagliature, nuotate, allattate e passeggiate;

2) da alcuni studi, è emerso che la costrizione di queste fasce, causa un aumento della pressione intra-addominale che spinge gli organi verso il basso. Ciò comporta un aumento del rischio di prolasso vaginale, uterino, rettale e di incontinenza urinaria. Questi problemi non si hanno nell’immediato, ma compaiono più in là negli anni, di solito nel periodo menopausale, quando questi organi vanno incontro già di loro, ad un rilassamento fisiologico. Dunque lasciate lavorare i vostri muscoli e vedrete che otterrete ottimi risultati. Sappiate che il ritorno al fisico che si aveva prima della gravidanza, può richiedere anche un anno.

La ricetta è: avere pazienza, mangiare bene, allattare al seno e fare attività fisica.

 Foto: Luca Fazzolari

Alessia

 

Hai dei Dubbi? Chiedi all’Ostetrica!

Condividi