Paura distinguerla dall’attacco di panico

1503

La paura è diversa dall’attacco di panico, quest’ultimo si presenta come un forte stato di ansia o disagio, di solito della durata di circa dieci minuti, inaspettato ed improvviso.

E’ accompagnato da sensazioni terribili di perdita di controllo, paura di morire o di impazzire più tutta una serie di manifestazioni fisiche quali:

  • tensione muscolare, tachicardia, palpitazioni,
  • nausea, mal di stomaco,
  • respiro affannoso, sensazione di soffocamento, nodo in gola,
  • formicolii, vampate di calore, brividi, tremori,  perdita di sensibilità,
  • vista annebbiata, capogiri, sensazione di svenimento, sbandamento, vertigini, sentimento di irrealtà.

Sono episodi che spaventano moltissimo e la persona che li ha vissuti rimane estremamente attenta e all’erta per la paura di riviverli, e tenderà ad evitare tutte quelle situazioni che associa all’attacco di panico.

È comprovato che con un valido aiuto psicoterapeutico gli attacchi di panico si possono sconfiggere; ad oggi esistono diversi tipi di terapie efficaci per il trattamento dei disturbi di ansia e più nello specifico degli attacchi di panico.

Il mio consiglio è dunque quello di informarsi e ricercare un aiuto perché è possibile stare meglio, senza vivere soggiogati dal panico, ricercando cure specializzate.

Dottoressa Valeria Mogiani

Condividi