Perugia, maltrattamenti su neonato in Ospedale

1334

Perugia, maltrattamenti succede nel Reparto di Neonatologia dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia

Perugia, maltrattamenti su neonato in Ospedale- L’innocenza e la purezza dei bambini sono difese a spada tratta da persone, associazioni ed iniziative sparse in tutto il mondo.Ed è la violazione della loro tutela che colpisce il cuore di ognuno di noi, rendendoci particolarmente sensibili ad ogni caso di abuso o maltrattamento nei loro confronti.L’ultimo caso è quello del reparto di neonatologia dell’ospedale Santa Maria della Misericordia, a Perugia.


A quanto emerge dalla prime indiscrezioni investigative, una delle infermiere impiegate nel suddetto reparto, avrebbe utilizzato modi bruschi, quasi violenti, ed epiteti poco consoni al suo mestiere nei confronti di uno dei neonati a lei affidati.

“Stai nella tua m….” avrebbe detto alla neonata, “colpevole” di aver sporcato l’assistente ospedaliera durante la fase del cambio.
La reazione dell’infermiera non si è fatta attendere: senza ripulire la bambina, l’avrebbe rimessa nel proprio lettino, lasciandola in tali condizioni sino alla mattina seguente.
A denunciare l’accaduto, alcune sue colleghe.

Complice la stanchezza o la tarda ora, si potrebbe giustificare un qualche atteggiamento di scarsa cortesia nei confronti di un adulto, ma non un maltrattamento nei confronti di un bambino, di appena pochi giorni.
Specialmente se tale atteggiamento è stato causa di frattura femorale, diagnosticata al bambino subito dopo l’incidente.

Immediata la procedura punitiva a carico dell’infermiera: sospensione dello stipendio per 4 mesi ed astensione obbligata dal servizio ospedaliero fino al momento in cui non sarà definitivamente chiarita l’intera vicenda.
L’infermiera si difende, grazie al supporto del proprio difensore, respingendo ogni possibile accusa e negando che quanto accaduto, soprattutto per quanto riguarda la lesione inferta al bambino, sia in qualche modo riconducibile ad una sua responsabilità.

Condividi