Prevenire la Morte in culla (SIDS)

2208

Prevenire la Morte in Culla- Ecco come fare per far dormire in sicurezza il tuo Bimbo

prevenire-LA-morte-in-cullaLa “Morte in culla”,conosciuta anche con la sigla SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) è la sindrome della morte improvvisa di un lattante che avviene sotto un anno di età, senza precedenti malattie e che rimane inspiegabile nonostante un accurato processo diagnostico.


Sebbene le cause della morte in culla siano sconosciute esistono dei semplici comportamenti preventivi da mettere in atto e che ogni genitore dovrebbe conoscere per Prevenire la Morte in Culla:

Mettere il bambino a dormire in posizione supina (non sulla pancia, non sul fianco). È possibile mettere il bambino in posizione prona quando è sveglio e sotto il controllo dell’adulto per favorire lo sviluppo motorio del lattante

Mettere il bambino a dormire con la faccia , la testa  e le braccia scoperte (non lenzuola o coperte che ne coprano il viso). Fissare le lenzuola bene sotto il materasso tenendole corte sul corpo del bambino: non devono superare le spalle

Posizionare il bambino in modo che i suoi piedi tocchino il fondo del letto

– Fare in modo che l’ambiente dove vive il bambino sia libero dal fumo di sigaretta sia prima che dopo la sua nascita

Leggi anche: Pannolini costosi? Ecco come risparmiare!

– Fare  in modo che l’ambiente dove dorme il bambino sia sicuro. La superficie su cui dorme deve essere rigida per evitare che il corpo affondi, il materasso non deve essere così leggero da poter essere sollevato dal bambino e utilizzare materassi delle dimensioni giuste in modo che non vi siano spazi vuoti dove il bambino possa scivolare, non utilizzare cuscini e, non lasciare a portata del bambino oggetti tanto piccoli che possano essere ingeriti e che possano soffocare il bambino, come cordine, piccoli giochi, pupazzi.

La temperatura ideale della stanza del bambino è di 18-20 gradi centigradi.

– Mettere a dormire il bambino nel suo letto nella stessa camera dei genitori per i primi 6-12 mesi di vita. Gli studi depongono per un ruolo sicuramente protettivo nei confronti della SIDS della condivisione della stanza con i genitori (room-sharing), sono controversi e non definitivi rispetto al ruolo di fattore di rischio della condivisione del letto (bed-sharing). Su un punti si è d’accordo: mai condividere divano, poltrona, sofà. In questi casi il rischio di SIDS e altre morti correlate al sonno sicuramente aumenta in  maniera significativa.

Allattare il bambino al seno se è possibile
Leggi anche: Cosa mangiare mentre si Allatta.

Giulia

Condividi