Puglia: ennesimo caso di femminicidio, marito uccide la moglie e la veglia per 3 giorni

622

Ancora un caso di femminicidio avvenuto in Italia, come se non bastassero quelli avvenuti negli ultimi mesi. L’ultimo episodio di violenza sfociato poi nella morte di una povera donna è avvenuto in Puglia e nello specifico a Orta Nova, centro del Tavoliere a pochi chilometri da Foggia. La donna, Lucia Pompa Palumbo di 48 anni sarebbe stata uccisa dal marito Domenico Luciano di 55 anni, un fornaio in pensione il quale dopo averla uccisa avrebbe vegliato il cadavere per alcuni giorni. La donna, molto probabilmente sarebbe stata uccisa lunedì 27 aprile, anche se la data esatta verrà stabilita dall’autopsia che verrà effettuata nei prossimi giorni. Il corpo della donna, invece, sarebbe stato scoperto dopo 3 giorni ed esattamente il 30 aprile ancora nell’abitazione sia in Via Campania dove viveva con il marito; da quanto emerso sono stati i figli a trovare il corpo della madre, preoccupati del fatto che da parecchi giorni non avevano notizie dei genitori, così si sono presentati nella giornata di giovedì a casa degli stessi.

Non appena entrati nell’abitazione hanno trovato il padre che vegliava il corpo della donna in apparente ed avanzato stato di decomposizione. Uno shock per i figli che sicuramente non si aspettavano di trovare una scena così raccapricciante. Non è ancora certo il motivo per il quale l’uomo abbia deciso di uccidere la moglie, ma sembra che l’unica pista possibile sia quella della gelosia; il fornai avrebbe ucciso la moglie colpendola con un oggetto contundente alla testa. Dalle prime indagini, inoltre,è anche emerso che l’uomo dopo aver ucciso la moglie abbia tentato di inscenare un incidente domestico, appoggiando una scala al muro, visto che la donna è stata ritrovata per terra. 

Condividi