Renzi incontra Putin a Mosca: ruolo decisivo della Russia nella lotta all’Isis

223

Il premier Matteo Renzi ha incontrato Putin a Mosca nella giornata di ieri, dopo aver depositato secondo la tradizione russa con un mazzo di garofani il luogo dell’assassinio del leader dell’opposizione Boris Nemtsov e dopo il primo incontro istituzionale con Dmitri Medvedev.

 Nel faccia a faccia col presidente russo Vladimir Putin Renzi ha affrontato questioni internazionali prioritarie: la crisi ucraina, la questione Libia, i rapporti bilaterali tra Roma e Mosca.Russia e Italia, come ha ricordato lo stesso Putin, lavorano insieme in vari campi: energia, spazio, macchinari industriali ed altro ancora. “Non potrei non citare una sfera di attività in cui non cooperiamo” ha ammesso il leader russo.20150305_putin12

 Renzi ha commentato la crisi ucraina ammettendo che “si tratta di un quadro internazionale complicato e non esiste alternativa ad una soluzione politica e diplomatica” aggiungendo “Dobbiamo rispettare gli accordi di Minsk” e aprire la possibilità ad un dialogo diretto tra Kiev e Donetsk.

Passando al tema più scottante, la lotta contro il terrorismo e l’emergenza in Libia, Siria e Iraq, Renzi ha definito decisivo il ruolo della Russia nella lotta all’Isis. La risposta del presidente russo Putin, nella conferenza dopo l’incontro al Cremlino con Renzi durato tre ore, è stata: “La situazione è peggiorata in Libia e la Russia è per una soluzione pacifica e appoggia gli sforzi delle Nazioni Unite”. Occorre una risposta internazionale incisiva e il ruolo della Russia, a partire dal viaggio di Putin in Egitto, può essere decisivo.

 In considerazione delle relazioni bilaterali tra Russia e Italia, il premier Renzi si aspetta per il 10 giugno una considerevole presenza russa all’Expo di Milano “a cui Mosca ha dato un contributo importante”.

L’Italia resta uno dei partner privilegiati di Mosca, sia a livello europeo che mondiale, ha dichiarato Putin e Renzi lo conferma, sottolineando l’intensa cooperazione economico-commerciale tra i due Paesi nonostante le difficoltà legate alle sanzioni occidentali e alle contro-sanzioni russe, che rappresentano un ostacolo per entrambi.

Condividi