Risarcire il Tradimento: la Cassazione approva.

943

Risarcire il Tradimento è ormai un dovere non solo morale ma anche civile, la Cassazione ha stabilito con la sentenza 8862/2012 che il tradimento nel matrimonio arreca danni psichici, dunque obbliga il coniuge traditore a pagare i danni.


Una Sentenza della Cassazione, venuta fuori dopo lo studio del caso di una donna caduta in depressione a seguito del tradimento del marito, stabilisce che chi tradisce il proprio marito o la propria moglie è tenuto a risarcire  il tradimento.

Infatti, la donna, dopo la separazione e il divorzio dal marito fedifrago, non aveva mai recuperato la salute mentale, intaccata dal tradimento, dal rapporto exaconiugale dell’uomo.

Nonostante la fedeltà coniugale non sia un diritto garantito dalla Costituzione, la Corte ha deciso che sono da indagare i modi in cui l’infedeltà si configura, anche ai fini di un risarcimento.

Infatti, atti gravi come il danneggiamento della salute mentale ledono i Diritti Costituzionali e come tali meritano un risarcimento.

Naturalmente, i danni che sono stati arrecati devono essere dimostrati per ottenere il citato risarcimento.

Forse potrebbe interessarti: Per amarsi di più bisogna essere amici del proprio partner

Condividi