Rivalta: picchia la moglie e si toglie la vita. L’autopsia conferma la morte per dissanguamento.

642

Rivalta: picchia la moglie e si toglie la vita.  Un’altra storia di violenza domestica, dal finale forse meno tragico del solito ma sicuramente sconvolgente.

Nella giornata di martedì 18 marzo 2014, a Rivalta (in provincia di Torino), è stato rinvenuto il cadavere di un uomo, Vasile Baran (56 anni), steso accanto al corpo quasi senza vita di sua moglie Angela.

Immediata l’ipotesi avanzata dagli investigatori: tentato omicidio – suicidio. Data la situazione socio – economica che l’Italia sta attraversando, si è in un primo momento ipotizzato che la causa fosse da cercare nelle possibili difficoltà economiche della famiglia; qualcuno ha anche avanzato l’ipotesi di un possibile problema di salute di uno dei coniugi.

La verità, però, non ha tardato a venire a galla grazie all’autopsia conclusa questa mattina  sul corpo di Vasile Baran: secondo il medico legale Roberto Testi, la morte dell’uomo sarebbe sopraggiunta per dissanguamento causato dalle 20 coltellate auto inflittasi.

Il tragico gesto trova il perché nell’ennesima lite coniugale.
Rifugiatasi a Rivalta da circa un anno per sfuggire alle violenze del marito, Angela ha nuovamente aperto la porta di casa al suo coniuge, giunto sino a lei per tentare di riappacificarsi e di convincerla a tornare a casa.
Non andando a buon fine, il tentativo di ricongiungimento diventa motivo di lite: Vasile diventa nuovamente violento, come già si è rivelato numerose volte in passato. La sua furia questa volta non si placa e continua ad accanirsi sul corpo della moglie, concentrandosi sul viso e giungendo a sfigurarla quasi completamente.
Solo al termine del suo raptus di follia si accorge di quanto accaduto e convinto di averla uccisa,afferra 3 diversi coltelli dalla cucina della moglie e si autoinfligge la punizione per quel terribile gesto.

A trovare i corpi, la figlia della coppia che da circa un anno ospitava la madre presso la sua abitazione, sperando inutilmente di sottrarla ad una fine forse già scritta.

Condividi