Roma- Lite per un cane, 30enne in gravi condizioni arrestato pugile 22enne

170

Roma- Una banale lite tra proprietari di cani finisce in tragedia. Un ragazzodi 22 anni, pugile professionista, ha colpito a pugni un ragazzo trentenne provocandogli gravi ferite alle testa, il giovane è stato fermato con l’accusa di tentato omicidio.

Sono talmente futili i motivi della lite che facciamo fatica a raccontarvi. Tutto è nato per l’abbaiare di un Pitbull verso un’altro cane in possesso di un amico del ragazzo 22enne pugile.

Il 22enne ha affrontato il ragazzo proprietario del pitbull, e tra i due è nata subito una violenta discussione fino ad arrivare alle mani, il ragazzo 30enne ha afferrato per il collo il pugile, il quale a sua volta si è difeso prendendo a pugni il 30enne al volto e alla testa, da alcuni testimoni che si trovavano sul posto, abbiamo saputo che il ragazzo tirava pugni precisi propio come in un combattimento di pugilato, fino a che il 30enne non è caduto a terra perdendo i sensi.

Infatti, quando il ragazzo 22enne ha visto la gravità di ciò che aveva fatto, è fuggito senza chiamare i soccorsi, i quali sono intervenuti parecchio tempo più tardi grazie alla segnalazione di alcuni testimoni sul posto.

Il ragazzo è stato subito portato in ospedale subendo un’intervento chirurgico urgente per le gravi lesioni e traumi riportati nella rissa Avviate le indagini e sentiti tutti i testimoni presenti alla lite, gli agenti del commissariato diretto da Filiberto Mastrapasqua, sono arrivati ad identificare il giovane, un pugile di 22 anni di Roma, il quale è stato fermato ed arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

1
2
Condividi