Roma, Tassista presa a pugni violentata e rapinata

1689

Picchiata, aggredita, violentata e derubata, questa la sorte toccata a una tassista 42enne di Roma che questa mattina intorno alle sette ha avuto la sfortuna di passare proprio in via Aurelia all’altezza dell’Hotel Ergife, a bordo strada un uomo le ha fatto cenno di fermare come fanno tutte le persone che hanno bisogno di un taxi, scambiandolo per un normale cliente la donna lo ha preso a bordo, il tipo ha chiesto di essere accompagnato a Ponte Galeria, una zona periferica della città.

Durante il tragitto la donna ha poi raccontato di aver cambiato due o tre volte itinerario su richiesta del “cliente” che alla fine le ha fatto imboccare una strada sterrata isolatissima; dove è scattata l’aggressione, il malvivente ha colpito la donna con alcuni pugni al volto, poi minacciandola con un coltello l’ha costretta a praticargli un rapporto orale, infine si è impadronito dell’incasso notturno e si è dileguato.

La tassista sotto choc ha chiamato via radio la centrale operativa della cooperativa taxi 3570 per cui lavora; ha raccontato brevemente cosa le era capitato e ha chiesto soccorso.  La vittima è stata accompagnata all’ospedale Grassi di Ostia e poi mandata al San Camillo per accertamenti ed esami di vario tipo.  L’aggressore, non ancora identificato, ha circa 40 anni, è calvo, palestrato  e parla con un forte accento romano.

A seguito della denuncia sono scattate le indagini e le ricerche nella zona dell’aggressione, condotte anche da un paio di elicotteri che stanno setacciando la periferia romana; questo episodio arriva dopo altre tre o quattro segnalazioni di tentatici di rapina ad altrettanti tassisti romani non andate a buon fine però.

Il sindaco Marino in una nota sull’episodio ha dichiarato: “siamo vicini alla vittima,   l’amministrazione capitolina si è attivata per assicurare il massimo sostegno e assistenza alla donna vittima di violenza. Il sindaco, inoltre, appresa la notizia, ha contattato il presidente della cooperativa 3570, Loreno Bittarelli, cui ha chiesto di rappresentare alla donna la vicinanza e la solidarietà di tutta la città di Roma”.

Condividi