Salute, l’uso frequente della candeggina mette a rischio di infezioni i bambini

394

Salute:  E’ stato rilevato dagli organi competenti che i bambini esposti con frequenza rilevante alla candeggina presentano un rischio più elevato di contrarre infezioni, soprattutto a carico delle vie respiratorie. Una ricerca pubblicata su Occupational & Environmental Medicine da un team dell’Università di Lovanio, in Belgio ha reso noto questo risultato. Lo studio, coordinato da Lidia Casas, ha coinvolto oltre novemila bambini fra i 6 e i 12 anni; alunni delle 19 scuole della città di Utrecht, in Olanda, 17 scuole in Finlandia e 18 scuole a Barcellona.  I genitori hanno reso noto ai medici il numero di infezioni avute dai propri figli nell’ultimo anno, comunicando anche l’eventuale uso o meno della candeggina per i lavori domestici, comprese le quantità e la frequenza. In Spagna l’uso del prodotto è molto diffuso infatti circa il 72 per cento degli intervistati, la utilizza per pulire la casa, e disinfettare i sanitari del bagno, pulire i pavimenti e tutte le superfici dove il detergente  è utilizzabile. La candeggina ha potere disinfettante per quello che riguarda gli ambienti ma è nociva per le persone.

candeggina

in Finlandia invece è molto più raro, solo il 7%  dei cittadini utilizza la candeggina. Inoltre dall’indagine è anche emerso che in tutte le scuole spagnole le pulizie vengono fatte con la candeggina mentre in Finlandia e nessuna struttura pubblica viene utilizzata. In ogni ambiente dove la candeggina viene utilizzata con larga frequenza i bambini hanno una maggiore predisposizione ad  ammalarsi; probabilmente il fenomeno è dovuto ai composti volatili che si sprigionano durante l’uso della candeggina,  questi composti hanno un’azione irritante per le  mucose, favorendo   infezioni e episodi febbrili. La candeggina, inoltre, avrebbe l’effetto di indebolire il sistema immunitario. L’utilizzo intenso di prodotti per la pulizia, si associa anche a un particolare disturbo chiamato “wheezing”, cioè il classico  respiro sibilante che contraddistingue molti bambini. Lo conferma anche un altro studio effettuato su 14mila bambini e pubblicato sulla rivista Thorax.

Condividi