Spunta in rete la foto di Patrick l’eroe del Airbus A 320

207

Spunta in rete la prima foto del capitano Patrick Sondheimer, infatti  è stata resa pubblica;  il pilota che il giorno della strage dall’Airbus A320 cercò con ogni mezzo di fermare Lubitz. La fotografia, secondo quanto scrive il Mirror, è stata esposta alla sede della compagnia aerea a Colonia, e anche un memoriale per i 144 passeggeri e i cinque membri dell’equipaggio morti nello schianto sulle Alpi francesi. Nello scatto Patrick è proprio a sinistra dell copilota Andreas.

La compagnia però ha smentito categoricamente di aver esposto nei suoi uffici di Colonia le foto dei due piloti e dell’equipaggio: «Non abbiamo niente a che fare con quella foto, che ovviamente non è nostra», ha detto un addetto stampa, troncando la conversazione abbastanza bruscamente; anche rispetto a ogni altra possibile informazione a riguardo.

german_pilota_copilota

In ogni caso ora la cronaca agghiacciante riportata dalla scatola nera, quella voce disperata ha un volto…gli ultimi istanti di vita fermati per sempre in una traccia audio:

«Apri questa maledetta porta!»: così Patrick ha urlato al copilota Adreas Lubitz, che lo aveva chiuso fuori dalla cabina di pilotaggio mentre faceva precipitare l’Airbus sulle Alpi francesi. I primi venti minuti di volo mostrano scambi di battute banali tra il pilota e il copilota. Alle 10.27, il pilota chiede a Lubitz di preparare l’atterraggio a Duesseldorf. Quest’ultimo pronuncia, come ultime parole, «spero» e «vedremo». Il pilota esce per andare in bagno e l’aereo comincia la discesa.

Pochi minuti più tardi, si sente bussare forte alla porta, ricostruisce Bild. Il pilota dall’esterno dice: «Per l’amor di Dio, apri la porta». In sottofondo, si percepiscono le urla dei passeggeri. Si sentono i tentativi di abbattere la porta con un’ascia, poi un urlo: «Apri questa fottuta porta!». Alle 10.40 circa, l’aereo colpisce una montagna. Gli ultimi suoni registrati sono le urla dei passeggeri, subito dopo l’Airbus si schianta a 700 chilometri orari su un versante roccioso.

Condividi