Tanto Vinco Io- La fine della Battaglia di Federica

922
tanto-vinco-io

Tanto Vinco Io- Federica ha perso la sua battaglia contro il cancro

Tanto Vinco Io- Metti un blog, internet, il web e tanta sofferenza. Tanto Vinco Io non è solo uno dei tanti blog che girano in rete, tanto vinco io è-era il blog di una battaglia, quella di Federica Cardia contro in cancro.

 

 
Una ragazza di 31 anni che racconta la sua lotta contro il tumore al colon, una grande guerra condotta con coraggio che però alla fine è stata, purtroppo, persa.

Ad aprile 2011 alla ragazza viene diagnosticato un cancro al colon, un colpo al cuore, una vita che cambia, interventi e terapie devastanti, fino all’ultima triste condanna: non potrà più essere operata, perché il tumore ha invaso tutto l’addome.
Federica era affetta da carcinosi peritoneale, un tipo di cancro che fa proliferare le cellule tumorali in maniera incontrollata, difficilmente arginabile o curabile con la chemio.

“Non mi arrendo, voglio vivere e credo di avere ancora molte, troppe, cose da fare, luoghi da visitare, esperienze da vivere.”

Dice e da qui scatta una disperata richiesta di aiuto, per sottoporsi alle cure sperimentali, costose, che però avrebbero potuto costituire l’unica via di salvezza per la giovane.

Un tam-tam sul web ha mosso la solidarietà di numerose persone che hanno cominciato a inviare fondi e a seguire la giovane, una catena di aiuti del valore di 35 mila euro.

Ma a nulla è servito tutto questo.

Dopo l’ultimo messaggio lasciato sulla sua pagina di Facebook, datato 3 settembre

“Tre mesi e più di ospedale (non continuativi, ma più o meno siamo lì) tra alti e bassi, interventi chirurgici e tanta, troppa stanchezza. Spero di darvi buone notizie nelle prossime settimane, per ora buonanotte!”

La triste morte avvenuta in ospedale, resta la forza, sorprendono il coraggio e la voglia di vivere di una giovane donna che va via a testa alta da un mondo, come l’immagine di copertina della pagina social che canta le parole di David Bowie “Si può essere Eroi, anche solo per un giorno!”

Condividi