Terni, uomo di 93 anni morto nel suo letto dopo una rapina

7188

Morto un uomo di 93 anni di Terni in seguito ad una rapina effettuata da tre rapinatori dell’Est Europa i quali sono stati braccati e presi nella zona della Gabelletta, ovvero nella periferia della città. La città di Terni è letteralmente sotto shock per quanto accaduto; i tre uomini si sarebbero introdotti all’interno dell’appartamento quando in quel momento oltre all’anziano uomo Giulio Moracci di 93 anni erano presenti anche la moglie Eleonora Pressi.

Marito e moglie sarebbero stati legati dai rapinatori, la donna in cucina mentre l’uomo sul letto a faccia in giù. I rapinatori avrebbero portato via dall’abitazione oggetti di valore e poi sarebbero fuggiti lasciando Giulio e la moglie Eleonora immobilizzati e terrorizzati.

L’allarme è stato lanciato da alcuni vicini che hanno assistito alla scena vedendo scappare i tre rapinatori; i carabinieri appena arrivati hanno trovato l’uomo sul letto ma purtroppo era deceduto, forse soffocato mentre la donna è stata subito trasportato all‘Ospedale Santa Maria. I tre uomini, come anticipato tutti dell’Est Europa sono stati arrestati.In una nota, l’amministrazione comunale di Terni ha dichiarato:“condanna il gesto barbaro che ha portato alla morte di un cittadino ternano ed esprime vicinanza alla famiglia Moracci. L’amministrazione appena ha appreso la notizia che ha portato alla morte di Giulio Moracci si è recata presso l’abitazione di Gabelletta per portare la vicinanza della comunità ternana e per raccogliere ulteriori informazioni su una vicenda che ha profondamente colpito la comunità di Gabelletta e la città tutta. Durante la visita è stata evidenziata la gravità dell’episodio così come la pronta risposta delle forze dell’ordine che hanno già trattenuto tre persone ritenute coinvolte nella vicenda. Nelle prossime ore l’amministrazione comunale attiverà tutte le iniziative necessarie per mostrare ulteriormente la solidarietà alla famiglia Moracci e per condannare una azione violenta, inutile e insensata”. 

Condividi